Terremoto Milan: anche Bacca verso l'addio. Zaza o Pavoletti al suo posto?

12 aprile 2016 ore 12:50, Andrea De Angelis
Il Milan ha esonerato Mihajlovic. Si conclude nel peggiore dei modi la storia d'amore tra il serbo e i rossoneri, iniziata già con qualche perplessità vista la fede calcistica interista dell'allenatore che ha fatto lo scorso anno la fortuna della Sampdoria. Doveva andare al Napoli, poi è arrivato Sarri, allora ecco Sinisa. Una sicurezza. 

Il Milan è sesto, ma nell'ultimo mese non ha mai vinto. Il Sassuolo è a un solo punto, la Lazio a quattro lunghezze. Berlusconi e Galliani avranno pensato che cambiare farà bene. Al suo posto Brocchi, uno che ha il sangue rossonero. Ma i precedenti con Seedorf e Inzaghi non sono certo garanzia di successo, anzi. 
Detto questo, come una scossa di terremoto la notizia è arrivata a Milanello. E ha portato con sé altre scosse, legate ai possibili partenti in vista del prossimo anno. A sorpresa, visto che stiamo parlando del capocannoniere della squadra, tra gli addii potrebbe esserci anche quello a Bacca, uno che la palla la butta dentro eccome, ma la cui astinenza dal goal è uno dei motivi della crisi recente. Nonché dell'esonero dell'allenatore che ha sempre creduto in lui, uno dei pochi titolari inamovibili (anche più di chi, come Bertolacci, in estate è costato parecchi milioni di euro). Uno che ha fatto 14 goal, gli stessi di Icardi e Dybala, tirando un solo calcio di rigore. Insomma, Higuain a parte stiamo parlando di un attaccante tra i migliori del campionato. 

Terremoto Milan: anche Bacca verso l'addio. Zaza o Pavoletti al suo posto?
Il punto, infatti, non sarebbe il suo rendimento (anche se c'è chi vocifera come abbia fatto saltare i nervi la sua prestazione contro la Juventus a più di un nome pesante...) ma il valore. In estate furono spesi tanti soldi per prenderlo, gli stessi che ora qualcuno all'estero sarebbe disposto a mettere sul piatto per avere il trentenne colombiano in rosa. Al primo posto, come noto, il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti, suo estimatore da tempo. Ma anche in Inghilterra le pretendenti non mancano. 
Ai tifosi rossoneri una domanda sorge spontanea: chi al suo posto? Con Niang ai box (e comunque più esterno che centravanti puro), Balotelli smarrito e Menez da recuperare serve un nome pesante. Così si parla di Zaza, uno dalla media goal spaventosa se rapportata ai minuti giocati, ma anche di Pavoletti che prima dell'infortunio aveva incantato al Genoa. L'idea è di ripartire da un italiano, possibilmente un Nazionale. Così da continuare su una scia azzurra ben precisa che vede, tra gli altri, anche Bertolacci, Romagnoli, Antonelli e Donnarumma (oltre agli esperti Abate e Montolivo, senza dimenticare un certo Balotelli). 
 
caricamento in corso...
caricamento in corso...