Curiosando nel Fuori Salone (del Mobile)

13 aprile 2013 ore 10:32, Vanessa Dal Cero
Curiosando nel Fuori Salone (del Mobile)
Milano prende ritmi diversi e acquista nuove sfumature: è in corso la settimana del salone del mobile. La frenetica routine lavorativa e il rigore meneghino lasciano spazio a nuovi modi di comunicare; via il grigio e dentro il colore! Mentre a Rho fiera, in provincia di Milano, si svolge il vero e proprio Salone del Mobile; in centro città è sempre più diffuso il cosiddetto Fuori Salone.
Tutti desiderano esporre qualcosa, dai negozi ai ristoranti, direttamente per strada o nei musei, soprattutto in zona quadrilatero della moda e nel nuovo polo milanese del design di via Tortona.  Passeggiando qua e là per le “vie del colore” degna di nota è la mostra-evento “Roberto Capucci per i giovani designer -Oltre (a)gli abiti il design prende una nuova piega” esposta a Palazzo Morando, le suggestioni del passato date dalle sale settecentesche e l’innovazione presente dello stilista nei suoi abiti scultura dialogano perfettamente con le futuristiche opere di design. L’Associazione Moda & Modi e la Fondazione Roberto Capucci - con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano - martedì scorso - hanno premiato i vincitori del concorso nella sala conferenze di Palazzo Reale, per poi inaugurare la mostra (esposta fino al 20 aprile) con tanto di taglio del nastro nel primo pomeriggio. Il concorso era stato lanciato l’anno scorso raccogliendo un notevole consenso, sia a livello nazionale che internazionale. Quasi 650 iscritti hanno risposto alla sfida, lanciata dall’Associazione Moda & Modi, di ispirarsi agli ultimi otto abiti scultura del Maestro Capucci realizzati nel 2007 (“Cerchio”, “Spire”, “Onda”, “Linee”, “Foglie”, Fascia”, “Crepe”, Corde”) per dare vita ad oggetti di design, gioielli, accessori moda ed abiti in materiale non convenzionale. Una grande opportunità per i giovani del settore, dai 18 ai 35 anni, che si sono potuti confrontare con le geometrie, i colori e i volumi del Maestro, reinterpretandolo in moderne creazioni di design. Tra tutti gli iscritti, solo 30 opere hanno potuto affiancarsi agli abiti di Roberto Capucci ed essere esposte a Palazzo Morando; fra queste una selezionata giuria ha poi assegnato ai primi tre un premio. L’originalità del percorso espositivo aumenta di valore aggiunto la doppia mostra, delle opere di Capucci e degli oggetti in gara: le curatissime sale di Palazzo Morando sembrano infatti fondersi in un tutt’uno con gli oggetti esposti, come se fossero stati pensati apposta per arredarlo, così come le sculture di tessuto del Maestro che rendono vive le stanze con il volume e i colori che le contraddistinguono. Un incoraggiamento alla ricerca e all’estro, ma anche un superamento della divisione tra ambiti disciplinari; un evento che riveste Milano di classe e creatività.
caricamento in corso...
caricamento in corso...