Expo: cinese "banzai": morde finanziere, credeva "fosse una truffa"

13 maggio 2015, Adriano Scianca
Expo: cinese 'banzai': morde finanziere, credeva 'fosse una truffa'
Sarà processata oggi per direttissima con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, la responsabile comunicazione ed eventi del padiglione cinese che all'Expo ha reagito a un normale controllo dei documenti in maniera a dir poco inusuale: ha morso la mano di un finanziere. 

L’episodio è accaduto nella serata di ieri, quando i militari della Guardia di Finanza hanno controllato i documenti ai due cinesi, i quali avrebbero temuto che qualcuno li stesse raggirando. 

I finanzieri avevano chiesto alla manager e ad altri sei cinesi, tutti incensurati e con regolare permesso di soggiorno, di consegnare i passaporti. L'operazione di controllo ha richiesto alcuni minuti e così la donna, dopo aver chiesto più volte la restituzione dei documenti, si è scagliata contro l'agente in un momento di rabbia. 

Della vicenda è stato informato anche il console cinese, che si trova in Tribunale. 

Secondo il legale dei due cinesi, Benedetto Maria Bonomo comunque, l’arresto dei due “è stato frutto di un fraintendimento”. La donna è accusata di resistenza a pubblico ufficiale. Ora rischia fino a sei anni di reclusione. Arrestato anche un connazionale che si trovava con lei, il quale invece deve rispondere di rifiuto di identificazione. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...