Dall’arresto di Mantovani all' “avviso” a Garavaglia, Maroni traballa? B. "stupito"

13 ottobre 2015, intelligo
Dall’arresto di Mantovani all' “avviso” a Garavaglia, Maroni traballa? B. 'stupito'
La giunta Maroni traballa? E’ ancora presto per dirlo ma di certo c’è l’arresto di Mario Mantovani, vice del governatore lombardo al Pirellone e uomo di Forza Italia a Milano e l’iscrizione nel registro degli indagati per l'assessore all’Economia Massimo Garavaglia, leghista. Mantovani è stato arrestato stamani e per lui le accuse mosse dalla procura meneghina sono pesanti: concussione, corruzione aggravata e turbata libertà degli incanti. Tutto muove da un’inchiesta della Guardia di Finanza e dei pm milanesi che ha fatto aprire le porte del carcere anche per Giacomo di Capua, collaboratore di Mantovani e per un funzionario della Regione. 

INDAGATO ASSESSORE GARAVAGLIA. Nell'ambito del caso Mantovani, secondo quanto riporta l’AdnKronos, risulta indagato anche l’assessore all’Economia della Regione, Massimo Garavaglia. Stando a notizie apprese in ambienti giudiziari, Garavaglia sarebbe indagato per turbativa d’asta. Oltre a lui altre undici persone sono state iscritte nel registro degli indagati. Garavaglia, replica, netto alle notizie che stamani hanno scosso il Pirellone: “Pretendo che adesso si pubblichino tutti i miei estratti conto”. 

Raggiunto telefonicamente dall’Adnkronos mentre sta raggiungendo Roma, rilancia con una battuta: “Dopo la Fiorentina questa è la botta più grossa delle ultime settimane”. Ma poi commentando le notizie che arrivano da Milano aggiunge di “non sapere assolutamente niente dell'inchiesta” e di non essere stato raggiunto da nessun un avviso di garanzia. “Me l'hanno detto, ma io, personalmente, non ho ancora in mano nulla. A questo punto pretendo che si pubblichino tutti i miei estratti conto. Sono assolutamente sereno anche se mi sembra ci sia un grandissimo sputtanamento in corso”. 

IDENTIKIT DELL’INCHIESTA. Si focalizza nel periodo compreso tra il 6 giugno 2012 e il 30 giugno 2014. All’epoca dei fatti Mario Mantovani era anche senatore e sottosegretario ai Trasporti, nonchè sindaco di Arconate. Il lavoro degli uomini delle Fiamme Gialle si è concentrato su quelle che la Procura sospetta essere “gare pilotate” per i servizi di trasporto di malati dializzati, per opere in edifici scolastici e in case di riposo. E ancora: lavori di ristrutturazione presso immobili che sarebbero – sempre secondo i magistrati milanesi – riferiti a Mantovani da parte di un ingegnere “ringraziato” con lavori in opere pubbliche. 

EFFETTI POLITICI. Il clima al Pirellone è teso. E i 5S non perdono tempo: mozione di sfiducia a Maroni e subito al voto. Lo chiede Dario Violi, capogruppo di M5S Lombardia, che annuncia: “Stiamo predisponendo una mozione di sfiducia nei confronti di Roberto Maroni che si deve dimettere immediatamente. Ci auguriamo che il Consiglio regionale lombardo faccia un atto di orgoglio e che converga sulla nostra richiesta”. Ma al di là delle mosse politiche, l’arresto di Mantovani e l’assessore all’Economia indagato, rappresentano due questioni non di poco conto per il governatore Maroni e la stabilità della sua maggioranza. Intanto se a Milano l'establishment di Fi non commenta, da Roma Silvio Berlusconi si dice "stupito per l'inchiesta di cui non sapevamo nulla. Francamente conosciamo Mantovani come persone corretta e siamo in attesa di notizie". 

E a pochi mesi dalle elezioni per il sindaco di Milano, la novità di giornata rischia di avere conseguenze politiche pesanti per il centrodestra e in particolare per la Lega che oggi i sondaggi danno al 15 per cento e che da sempre ha il proprio “fortino” di consensi in Lombardia. Il che significa che Matteo Salvini dovrà gestire la fase di turbolenza e al tempo stesso non rischiare di perdere il patrimonio di consensi più che raddoppiato da quando è al timone del Carroccio. 

Gli spifferi di Intelligonews ricordano che tra Salvini e Maroni non corre buon sangue, come evidenziato alcuni giorni fa sulla corsa per Palazzo Marino (con il governatore incline all’accordo con Ncd e Salvini nettamente contrario). Quanto basta per dare adito a teorie complottiste, misteri e retroscena inediti. 
 
LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...