Ticket Expo: a Milano è “guerra” M5S-Regione-Pd

14 aprile 2015, intelligo
Ticket Expo: a Milano è “guerra” M5S-Regione-Pd
La vicenda dei ticket Expo venduti dal Pd milanese ha un’evoluzione. Perché Fabrizio Sala, assessore regionale alla casa, housing sociale e internazionalizzazione delle imprese con delega per Expo 2015, ha annunciato che chiederà ad Expo il ritiro al Pd dell’autorizzazione a vendere i biglietti per L’expo e l’uso del logo dell’evento. La risposta dell’assessore arriva in relazione a un’interrogazione presentata dal M5S. 

“Chiederò alla società Expo 2015 di ritirare la concessione dello status di subrivenditore autorizzato dei biglietti Expo al Partito Democratico della Provincia di Milano”, ha spiegato Sala aggiungendo che la società Expo 2015 “aveva autorizzato lo scorso 31 marzo la sezione milanese del Pd in qualità di sottodistributore della società Duomo Viaggi”.

 Un ruolo che “implica il rispetto delle regole di vendita dei biglietti previste nel contratto di rivendita autorizzata e consente di disporre del logo di Rivenditore Autorizzato di Expo 2015 per la promozione ai fini dell'attività di rivendita dei biglietti”. Ma, ed è qui l’obiezione di Sala, “per ovvie ragioni di opportunità, il marchio di Expo non può essere associato a formazioni politiche o sindacali, espressione del pensiero di una parte soltanto dei cittadini”. 

Quindi l’assessore considera la richiesta del ritiro della concessione “ancora più motivata dal fatto che Expo Spa aveva in precedenza contestato l'utilizzo del logo per una iniziativa istituzionale di Regione Lombardia”. Ragion per cui, secondo Sala, “la decisione deve intendersi valida per qualunque partito politico”. 

C’è da ritenere che la vicenda diventerà uno dei tormentoni della campagna elettorale (il prossimo anno) all’ombra della Madunina.


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...