Milano moda uomo: i maschi del 2015 saranno così

14 gennaio 2014 ore 12:18, Vanessa Dal Cero

Milano moda uomo: i maschi del 2015 saranno così
In segno di forte ottimismo, Milano apre alla moda le porte dei suoi musei, dimore private, spazi storici e contemporanei. Con altrettanto slancio rispondono gli stilisti in questi primi due giorni della Milano Moda Uomo, delineando originali stili maschili per l'autunno-inverno 2014-15.

L'onore di rompere il ghiaccio è andato al dandy contemporaneo di Corneliani, con la sua eleganza rimodernata in un sapiente mix di tessuti invernali. L'atmosfera di Zegna è più rilassata,  in stile anni '70: cappotti e piumini over size che non delineano il corpo a dispetto delle ultime tendenze super slim. E poi ecco la prima novità: Julian Zigerli, il giovane stilista ospitato al teatro Armani presenta tutine spaziali con fantasie optical gialle e fucsia, portate con ciabatte di pezza... l'intuizione può essere profetica, forse che la crisi ridurrà gli uomini a girare in pantofole? Da Dolce e gabbana arriva invece l'eroe normanno vestito d'armatura e sartorialitá, un gladiatore dei giorni nostri che combatte le avversità dell'era moderna. Decisamente dark  è l'uomo rivestito di pelle, abiti neri e stivaletti di John Varvatos, che fa festa ospitando i Kiss alla sua sfilata rock. Un look total black dal sapore gotico, un guardaroba all’insegna del mistero e del fascino. Per Versace invece gli uomini sono urban cowboy: grosse patacche a forma di stelle e ferri di cavallo brillano sulle loro giacche, fantasie sgargianti sulle camicie di seta, enormi catene al collo, tutine da pistolero con mutande in vista. Eccentrici davvero. Bottega veneta punta sull'alta sartorialitá di uno stile romantico new bohemiene. Il piglio scapigliato e un po’ disilluso dei sognatori d’oggi può scaturire in un vestire finto informale che in realtà è cucito di stoffe preziose: maglioni di ogni tipo, giacche dal taglio abbastanza sportivo, cappotti lineari poco vistosi, cappellini a cuffietta di lana e lunghe sciarpe. Anche Missoni riporta d'attualità lo stile grunge anni '90 che ha il maglione oversize come capo icona e la sovrapposizione degli indumenti come parola d'ordine. John Richmond mette kilt di pelle sopra i pantaloni e strani astronauti per Calvin klein collection portano incisi sulle felpe i nomi dei profumi di successo, l'uomo Iceberg diventa un supereroe, mentre Vivienne Westwood veste un ragazzo senza regole che indossa ciò che gli pare, Prada presenta un lui imperfettamente trasandato e sconclusionato che usa la cravatta come sciarpa e ancora l'infinita sovrapposizione di rombi su abiti rigonfi di Moncler gamme bleu. Senza parole. L'abilità di Ferragamo nel mescolare tinte cioccolato e nell'accostare i capi - il cappotto è chiuso con la cintura come fosse una vestaglia da camera - così come l'impeccabile english style di Daks meritano menzione come migliori sfilate del weekend. E i prossimi due giorni ne vedremo delle belle!
caricamento in corso...
caricamento in corso...