Modello Svizzera, Maroni 'gioca' agli otto cantoni: "La Lombardia anticipa sempre tutti"

14 gennaio 2016 ore 16:58, Andrea De Angelis
No, non è il Cantone che di nome fa Raffaele e che abbiamo imparato a conoscere bene negli ultimi tempi. Lo stesso, per intenderci, al quale il possibile futuro sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha detto in un'intervista al Corriere della Sera proprio oggi: "Proporrò all’Anac una convenzione ad hoc per rafforzare e garantire il lavoro già di ottimo livello degli uffici comunali: Milano è una città onesta amministrata da persone oneste e non c’è e ci sarà mai spazio per chi fa il furbo". 

Qui si parla di cantoni, al plurale. E non sono ovviamente persone. Roberto Maroni sogna una Lombardia come la Svizzera e propone al governo di dividere la regione in otto cantoni al posto delle attuali dodici province. 
Per definire la proposta, Maroni ha istituito un comitato di esperti presieduto da se stesso e formato da professori universitari, rappresentanti degli enti locali e delle Camere di Commercio. La prima riunione è mercoledì 20 gennaio come riportato da Repubblica. L'obiettivo è elaborare il progetto entro giugno, in modo da essere pronti per confrontarsi con il governo, se la riforma costituzionale entrerà in vigore entro la fine dell'anno. Sempre che nel frattempo arrivi anche il sì confermativo del referendum popolare.
Modello Svizzera, Maroni 'gioca' agli otto cantoni: 'La Lombardia anticipa sempre tutti'
"Partiamo già da un modello - spiega il governatore - quello delle otto aree omogenee stabilite nell'evoluzione del sistema socio sanitario. Dovremo ridefinire i confini, ridefinire le competenze che verranno date al nuovo ente, eliminando tutti i livelli intermedi in un'ottica di semplificazione per i cittadini". In altre parole, lasciare intatte le attuali strutture, ma concentrare le competenze nei tre livelli. Regione, ex provincie e comuni. Maroni rincara la dose e mostra tutto il suo orgoglio: "La Lombardia anticipa sempre tutti e anche questa volta, vogliamo essere noi ad avanzare una proposta al governo". 
Intanto il Movimento Cinque stelle accusa il Carroccio di fare una finta opposizione al governo Renzi. "Maroni è già pronto a istituire altri baracconi che vorrebbe chiamare cantoni - attacca il capogruppo grillino al Pirellone Stefano Buffagni - e non sappiamo se le province saranno davvero cancellate che già sentiamo parlare la solita politica incapace di sbarazzarsi della logica dei carrozzoni amministrativi".
caricamento in corso...
caricamento in corso...