Chi sabota le Ferrovie Nord?

15 dicembre 2015 ore 17:22, Luca Lippi
Chi sabota le Ferrovie Nord?
Ci riferiamo a quanto accaduto stamattina intorno lle 8 sul tratto ferroviario Milano Pavia,  il convoglio regionale 10567 ha investito una bicicletta all’altezza di Pizzabrasa di Pieve Emanuele (frazione tra Milano e Pavia). Non ci sono danni né per il treno né per i passeggeri, ma tanto disagio per tutti i viaggiatori, 22 treni hanno subito ritardi o soppressione per consentire ai tecnici di Rete ferroviaria italiana di effettuare le verifiche sulla linea, prima che la circolazione riprendesse regolarmente. Un timore in più: e cioè che episodi del genere possano essere emulati da altri vandali, incuranti della civiltà e anche della sicurezza di chi prende il treno tutti i giorni per andare al lavoro. Su questo così come sugli altri casi indaga la polizia ferroviaria, dopo una denuncia contro ignoti presentata da Rfi. È stata una bicicletta abbandonata sui binari come la volta precedente (venerdì scorso) quando per un’altra bicicletta abbandonata sui binari tra Locate Triulzi e Pieve Emanuele.

Dalle denunce la polizia ferroviaria è orientata a cercare una banda di vandali, ormai gli episodi del genere cominciano ad essere numerosi, tra fine novembre e inizio dicembre altri episodi di teppismo sono stati perpetrati a danno della Rfi. Uno degli episodi di vandalismo dei mesi scorsi ha avuto come episodio dei manichini con delle tute arancioni posizionati sui binari costringendo il macchinista di un treno a una frenata d'emergenza per evitare di investire quelli che potevano essere operai al lavoro. Trenord fa sapere che sono state soppresse due corse, una sulla linea regionale Stradella-Pavia-Milano, l'altra sulla linea suburbana S13 Pavia-Milano Bovisa. Mentre hanno registrato ritardi fino a 70 minuti e limitazioni di percorso 7 treni della linea suburbana S13 Pavia-Milano Bovisa, 5 treni della linea regionale Alessandria-Pavia-Milano e 3 della Stradella-Pavia-Milano. Su tutte le tratte Trenord ha predisposto bus sostitutivi. Aggiornamenti in tempo reale sono stati diffusi nelle stazioni, a bordo dei treni e sui canali di comunicazione e informazione di Trenord, come sito internet e Twitter.

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...