"Basta arabi": non solo scritte xenofobe contro il sindaco di Sesto

15 novembre 2016 ore 11:16, Andrea De Angelis
La scritta è stata prontamente cancellata. "Basta arabi, Chittò puttana". Xenofobia e sessismo, in sole quattro parole. La scritta è stata fatta sul muro del Comune, nel luogo simbolo di Sesto San Giovanni. Un attacco alle istituzioni che non deve passare inosservato. 

Solidarietà alla sindaca da parte del ministro della Giustizia Andrea Orlando, mentre per il segretario del Pd comunale, Marco Esposito, non si tratta di “una scritta qualsiasi, non un semplice imbratto, ma una scritta che racchiude in sé un agghiacciante compendio di xenofobia e sessismo, disprezzo nei riguardi di un popolo e un pesantissimo insulto nei riguardi della sindaco Monica Chittò".

La motivazione, non certo legittima, qual è? Se lo chiedono in molti, e la risposta è già stata data dai principali organi di stampa. La critica, mossa anche attraverso questa deprecabile scritta, deriva dalla decisione del sindaco Monica Chittò di costruire una nuova sede del Centro culturale islamico
Da qui, dunque il "basta arabi". Con tanto di offesa al primo cittadino del Comune che conta quasi 80mila abitanti. Sesto è infatti il centro più popoloso della città metropolitana di Milano e della settima città lombarda, nota lo scorso secolo per le tante attività industriali presenti. Fu sede di una delle più grandi ed estese concentrazioni industriali d'Italia, con stabilimenti metallurgici, elettronici ed elettrotecnici; nello stesso secolo era fiorente anche l'industria tessile, e la produzione libraria e della carta.

'Basta arabi': non solo scritte xenofobe contro il sindaco di Sesto
Dal punto di vista demografico il massimo fu raggiunto negli Anni '80 con quasi 100mila residenti, poi il costante calo che oggi risulta, rispetto a un quarto di secolo fa, superiore al 20%. Secondo le statistiche ISTAT al 1º gennaio 2015 la popolazione straniera residente nel comune metropolitano era di 13.343 persone, pari al 17% della popolazione. La nazionalità maggiormente rappresentata in base alla sua percentuale sul totale della popolazione residente è quella egiziana, seguita da romena, filippina, peruviana ed ecuadoriana. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...