Rivincita di Milan e Inter, ma guai a illudersi

16 dicembre 2014 ore 12:29, intelligo
Domenica sera il Milan, l'indomani l'Inter e nel giro di 24 ore le prime pagine dei quotidiani sportivi hanno restituito note liete ai tifosi delle squadre milanesi.  

Rivincita di Milan e Inter, ma guai a illudersi

  Vince la squadra di Inzaghi e lo fa contro un Napoli a dir poco demoralizzato. La formazione partenopea è apparsa troppo brutta per essere vera, eppure è la stessa che in autunno piegò la Roma al San Paolo dominando dal primo all'ultimo minuto di gioco. Qualcosa si è rotto e a beneficiarne è stato il Milan di Menez. Il francese con Bonaventura ha guidato la squadra insieme a una difesa rocciosa nonostante le pesanti assenze di Abate e De Sciglio sulle fasce e di Alex al centro. I ritrovati Armero e Mexes hanno spolverato una delle migliori prestazioni stagionali. Fuori però dall'inizio sia Torres che El Shaarawy: una doppia bocciatura che lascia l'amaro in bocca ai tifosi, iniziando proprio da Galliani e Berlusconi che vedevano nei due, rispettivamente, l'esperienza e il talento necessari per puntare al terzo posto. L'obiettivo resta, come però i problemi.  

Rivincita di Milan e Inter, ma guai a illudersi

  Veniamo all'Inter, che dopo un mese di cura Mancini trova finalmente la prima vittoria. Il risultato di due a zero sul campo del Chievo poteva essere addirittura più largo, ma prima del raddoppio in campo si era visto soprattutto il Chievo, specie nella linea mediana dove l'ex allenatore del City sembra avere maggiori problemi. Bene anche qui la difesa, con Nagatomo finalmente in forma e Ranocchia addirittura in gol, ma proprio come per i cugini rossoneri occhio all'attacco: Palacio non segna, Icardi lo imita e Osvaldo non incide come dovrebbe. Con un Guarin altalenante e Hernanes fermo ai box a buttarla dentro non potranno essere sempre il giovane (ma già esperto) Kovacic e capitan Ranocchia.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...