Strage di Motta Visconti: il marito ha confessato!

16 giugno 2014 ore 10:40, Andrea Barcariol
Strage di Motta Visconti: il marito ha confessato!
È stato posto in stato di fermo con l'accusa di triplice omicidio Carlo Lissi, 31 anni, il marito di Cristina Omes, trovata uccisa nella villa di famiglia a Motta Visconti con i suoi due figli Giulia e Gabriele, di 5 anni e di 20 mesi.
Tutti e tre sono stati sgozzati e sui loro corpi sono state trovate numerose altre lesioni che non fanno escludere un accanimento. Al fermo si è giunti dopo un lungo interrogatorio, il marito da subito non aveva convinto i Carabinieri e l’omicidio del piccolo di 20 mesi rendeva meno credibile la pista di una sanguinosa rapina. Carlo Lissi, dopo la formalizzazione delle accuse, è stato trasferito dai carabinieri di Abbiategrasso al carcere di Pavia prima dell'alba dove ha confessato, fatto trovare l'arma del delitto e richiesto "il massimo della pena". Sarebbe stata la passione per una collega, il movente che avrebbe armato la mano di Lissi che aveva fatto della avances "esplicite" e avuto un "momento di intimità" con la moglie poco prima dell'omicidio. Dopo la strage, Lissi è andato a vedere la partita dell'Italia.
caricamento in corso...
caricamento in corso...