Milano, poliziotti arrestati: toglievano i bimbi ai rom se non gli davano i soldi dei furti

17 dicembre 2015 ore 13:53, intelligo
Milano, poliziotti arrestati: toglievano i bimbi ai rom se non gli davano i soldi dei furti
Li lasciavano lavorare senza intervenire, per prendergli i soldi delle rapine. Non si tratta di boss o malavitosi di vario genere, ma sarebbero stati due poliziotti della Squadra mobile di Milano, che per questo motivo sarebbero stati arrestati.con tanto di furti documentati dalle telecamere di sorveglianza in stazione in molti casi.
 
Oltre a loro anche 23 rom sarebbero stati arrestati grazie all'operazione seguita dalla procura di Milano con il supporto della polfer.
La minaccia serviva ad ottenere la refurtiva che i nomadi di origine serba e bosniaca rubavano per strada, in zona stazione Centrole e stando alle indagini ed era indirizzata alle donne della etnia rom. Ora i due poliziotti, che sono accusati di concussione e falso in atti d'ufficio, sono ai domiciliari con l'accusa che si sarebbero impossessati di 1.600 euro, ma non solo: l'ammontare della refurtiva non è calcolabile precisamente perché gli episodi sarebbero stati più di uno. 
Si tratta comunque di un gruppo di roma che riuscivano anche a raggiungere la cifra di 20 mila euro alla settimana quando andava bene frutti di furti che colpivano principalmente i turisti. I ladrocini duravano da un anno e coinvolgevano preferibilmente giapponesi e americani fino a maggio 2015. E' allora, con l'inserimento "gate" per accedere all'area binari, che il limite del possesso del biglietto ferroviario gli ha impedito di proseguire. Per la banda l'accusa è di associazione per delinquere. 

(m.m.)
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...