Prete arrestato al “coca party”: usava la droga contro la depressione

17 luglio 2014 ore 13:20, intelligo
Prete arrestato al “coca party”: usava la droga contro la depressione
La notizia è di quelle destinate a fare scalpore: per il contesto, ma soprattutto per il protagonista. Si tratta di un sacerdote finito in manette durante un “coca party” a Milano.
L’accusa per don Stefano Maria Cavalletti, parroco a Carciano di Stresa, in provincia di Verbania, è pesante: spaccio e detenzione di cocaina. Lui ha ammesso e spiegato che lo faceva come terapia anti-depressiva dopo una condanna in primo grado per truffa ai danni di una pensionata. Per il tribunale di Verbania che lo ha condannato, aveva convinto un’anziana ad affidarli 22mila euro. A comunicare l’arresto del quarantacinquenne è stata la Diocesi di Novara alla quale il sacerdote appartiene, dopochè mancava dalla parrocchia da qualche giorno. Sarebbero stati proprio i guai giudiziari, secondo quanto il religioso ha confermato agli inquirenti, a spingerlo verso la cocaina. In base alla ricostruzione delle forze dell’ordine, don Cavalletti è stato arrestato durante un “coca party” a casa di alcuni amici milanesi: i vicini preoccupati per le grida che provenivano dall’appartamento hanno chiamato il 113. Gli agenti hanno rinvenuto gran parte della droga nel water e altre tracce della sostanza distribuite per casa.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...