Borghezio (LN): “Domani a Milano nasce la Grande Lega. Chi ci voleva ghettizzare ora ha paura…”

17 ottobre 2014 ore 11:30, Andrea Barcariol
Renzi bocciato su tutta la linea, dall’immigrazione alla legge di stabilità. Questo il
Borghezio (LN): “Domani a Milano nasce la Grande Lega. Chi ci voleva ghettizzare ora ha paura…”
pensiero dell’europarlamentare della Lega Mario Borghezio che, intervistato da Intelligonews, auspica la nascita di una Grande Lega in grado di “parlare a tutti gli italiani”. Domani a Milano la manifestazione “Stop all’invasione degli immigrati”. Che segnale politico volete dare? «La manifestazione ha acquisito carattere nazionale con delegazioni che arriveranno da tutta Italia, isole comprese, per difendere il Paese dall’invasione degli immigrati. E’ la prima volta che attorno a un’iniziativa promossa dalla Lega, e voluta da Salvini, c’è una risposta di questo tipo con centinaia di pullman da tutta Italia, anche di gente che non avevamo mai sentito nominare. Si profila un successo eclatante e dal punto di vista politico questa può essere la data di nascita di quella grande Lega con spazi geografici e politici molto più ampi». Renzi rimandato o bocciato sul tema immigrazione? «Renzi non sta facendo nulla in Europa per difendere il Paese da questa continua invasione. Lui e Alfano ci prendono in giro continuando a sostenere che Mare Nostrum è stato positivo. Per loro domani ci sarà un pesante schiaffo politico». Alfano dice che Mare Nostrum a novembre sarà sostituito dal progetto Triton di Frontex, ma Frontex smentisce affermando le due iniziative non sono alternative. Qual è la verità? «C’è un incredibile marcia indietro dell’Europa che continua a lasciare sola l’Italia. Evidentemente la tanto decantata presidenza italiana di Renzi non è servita assolutamente a nulla e non ha inciso minimamente sugli altri Paesi. Basterebbe questo per sancire la totale debacle politica di questo governo». In molti hanno criticato l’alleanza tra la Lega e CasaPound accusandovi di razzismo. Cosa replica? «Io sono stato il promotore di questa adesione e ovviamente la difendo a spada tratta, come farei con qualsiasi altro gruppo che voglia sostenere questa battaglia. In particolare mi sento di difendere CasaPound dalle accuse che sento sistematicamente da parte di quelli che hanno una grossa paura della nascita di una grande Lega che ha un ampio spazio politico per fare alleanze, anche solo di percorso. Queste persone pensavano di averci relegati in un ghetto minoritario, ma la Lega esprime valori, come la difesa dell’identità, che sono comuni alla maggioranza degli italiani. E’ una Lega che parla a tutta l’Italia e non è un caso che i ragazzi di CasaPound abbiano raccolto questo appello. Tra l’altro so che saranno molto numerosi». Come giudica lo scontro tra Renzi e le Regioni sulla legge di stabilità? «Questo governo è nemico delle autonomie locali, lo aveva già fatto capire in mille maniere e adesso ci ha messo il timbro. Governo Renzi uguale centralismo sfrenato e asfaltatura di ogni residuo di autonomia locale, secondo gli ordini dei signori mondialisti che ci hanno imposto questo governo e i due precedenti».
caricamento in corso...
caricamento in corso...