A Milano è "Festival della Cannabis", Sardone (FI) insorge: "Va vietato"

18 aprile 2017 ore 14:04, Americo Mascarucci
Forti proteste a Milano contro quello che è stato ribattezzato il "Festival della Cannabis" in programma il 20 aprile a Lambrate. A denunciare il caso è la consigliera comunale di Forza Italia Silvia Sardone che chiede al Comune di intervenire: "A Lambrate si terrà la manifestazione "4:20 European Psychedelic Hemp Fest", un evento che incita all'uso e alla produzione della cannabis. Un raduno fortemente diseducativo che fa passare messaggi sbagliati, spingendo per la liberalizzazione delle droghe leggere".
A Milano è 'Festival della Cannabis', Sardone (FI) insorge: 'Va vietato'

L'INIZIATIVA - Come spiegano gli organizzatori "il Festival, sbarcato in Italia e in Europa per la prima volta lo scorso anno con il supporto di Sir Canapa e di diverse etichette discografiche milanesi, è una manifestazione aperta a tutte le persone che vogliono capire e conoscere meglio il mondo della cannabis. Una giornata di Musica, Arte, Cultura, Hemp Food, Talk e Dibattiti, dove si parlerà degli ultimi progressi nella scienza e nella legalizzazione della più importante pianta del pianeta. L’evento sarà ricco di talk e dibattiti su tutte le sfaccettature della canapa, dall’utilizzo terapeutico, allo sviluppo della canapa industriale in Italia in ambito alimentare, nutraceutico e cosmetico, alla presentazione di brand e nuove linee di prodotti di punta nel mercato della cannabis europea.
Sarà il festival delle pratiche artistiche, terapeutiche, meditative e spirituali associate alla psichedelia e alla Cannabis, in grado di trasportare la mente e il corpo nelle sue tre dimensioni più importanti: Sativa, Indica e Ruderalis".
A Milano è 'Festival della Cannabis', Sardone (FI) insorge: 'Va vietato'

LE POLEMICHE - L'esponente forzista fa sapere di non essere l'unica ad aver sollevato proteste in merito all'iniziativa che, lungi da essere una campagna informativa, rischia di trasformarsi in una "festa della droga" e in un incentivo a consumare cannabis. 
"Forti - aggiunge ancora  - sono le proteste degli esperti come quelle del presidente di Asad che ha chiesto al Comune di intervenire, ribadendo che le sostanze stupefacenti non hanno nulla di artistico o spirituale. Giudizio negativo anche per Ciro Cascone, procuratore capo del tribunale dei minorenni che ha detto chiaramente che iniziative del genere vanno ostacolate".
Sotto accusa è finito dunque il Comune di Milano accusato di consentire la veicolazione di messaggi sbagliati. 
"Il Comune resta in colpevole silenzio - prosegue il consigliere FI - non che sia una novità visto che da anni nulla dice, per esempio, sulla festa della semina della cannabis al Leoncavallo o la Thc Fest al Lambretta. Non è accettabile consentire delle manifestazioni della droga libera in cui parteciperanno centinaia se non migliaia di giovani, con seri rischi per la loro salute, oltre a ovvi problemi di sicurezza. Chiediamo - conclude - al sindaco di esporsi e dire chiaramente che eventi del genere non possono continuare a moltiplicarsi nel silenzio delle istituzioni".

#milano #cannabis #festival

caricamento in corso...
caricamento in corso...