Expo, proposta ligure a sorpresa: "Dieta mediterranea e pesto patrimonio Unesco"

18 settembre 2015, Marta Moriconi
Expo, proposta ligure a sorpresa: 'Dieta mediterranea e pesto patrimonio Unesco'
Il Forum  Dieta Mediterranea di Imperia quest’anno è stato ospite di Expo Milano 2015.

E la Regione Liguria l'ha fatta da protagonista raccontando di un progetto condiviso con  Spagna, Grecia, Libano, Egitto e Tunisia, Cipro, Portogallo e Croazia.

Al centro: uno stile di vita corretto, regalo anche di un mangiar sano a cui l'uomo oggi non può più rinunciare se vuole vivere al meglio e a lungo. 

“Ora che grazie alla Camera di Commercio di Imperia e gli altri partner, il Forum è diventato un evento annuale di grande importanza, credo sia compito della Regione Liguria trasformare i benefici dell’inserimento della dieta mediterranea nel patrimonio immateriale dell’Umanità Unesco, ottenuto anche grazie al vostro impegno, in un’occasione di sviluppo per i territori rurali e il paesaggio olivicolo”, ha detto l’assessore allo Sviluppo Economico Edoardo Rixi.

Ma non è tutto rose e fiori. Se è vero che il cibo italiano e i piatti nostrani sono i favoriti dal corpo, “purtroppo un esempio di educazione alimentare e di salvaguardia della salute contro tante malattie, rischia di pagare il prezzo di una produzione agroalimentare dell’area mediterranea che non è più in grado di tenere il passo con la crescita delle popolazioni, per questo occorre cambiare le politiche agricole dell’Unione Europea che non tengono conto di questo ”, 

A questo punto è scattato l'invito ai rappresentanti Unesco presenti al forum, di inserire il pesto genovese nel Patrimonio immateriale dell’Umanità. E come dargli torto...
caricamento in corso...
caricamento in corso...