La Lega separatista anche sulla famiglia: aiuti ai separati

19 luglio 2013 ore 13:23, intelligo
di Micaela Del Monte.
La Lega separatista anche sulla famiglia: aiuti ai separati
La Lombardia aiuta le famiglie. Sì, quelle separate.
Dalla regione Lombardia infatti un milione di euro a sostegno dei genitori separati in difficoltà. In soli tre giorni dall'attivazione del bando per il sostegno sono arrivate una cinquantina di richieste. I requisiti? La residenza in Lombardia da almeno 5 anni in modo continuativo, un indice di reddito Isee non superiore ai 12 mila euro annui e la separazione legali da non più di tre anni. Almeno 400€ al mese per 500 genitori separati con figli minori e così genitore può aspirare ad un assegno regionale con un importo massimo di 2.400 € annui. Delle 50 richieste ricevute il 60 % è giunto da parte di donne e 40% da uomini. Tutti prevalentemente in difficoltà perché disoccupati o precari.

L’iniziativa è stata presentata al Pirellone dal vice segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini. “I genitori separati e divorziati - ha commentato Salvini - sono la nuova povertà emergente e la Lombardia è la prima Regione che si attiva con un intervento strutturato. Con queste risorse riusciremo a coprire circa le richieste di 500 persone. Quando finiranno sarò il primo a bussare alla porta di Maroni per chiederne altre”.

L'iniziativa della giunta si affianca a quella dei gruppi Lega e Maroni che hanno depositato un progetto di legge regionale sul tema. Così la Regione, la Lega e Maroni si schierano a favore dei genitori separati. Ma le difficoltà riguardano tutte le famiglie in generale e non è quindi il caso di trascurarle e abbandonarle al loro destino. Si spera quindi questo della giunta lombarda sia solo il primo passo verso un sostegno di tutte le famiglie, indistintamente.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...