Caldaia killer, muore 54enne a Cesano. Il figlio è grave: "Ha provato a salvarlo"

02 gennaio 2017 ore 13:22, Andrea De Angelis
La Lombardia registra l'ultimo caso di cronaca nera dell'anno e piange un suo cittadino 54enne morto a causa di un tragico evento. La drammatica storia si tinge di contorni ancora più tristi, visto che è grave anche il figlio della vittima, giovanissimo. Cerchiamo di capirne di più affidandoci alle fonti di agenzia. 
L'Ansa spiega che si è concluso tragicamente l'episodio di intossicazione da monossido di carbonio avvenuto l'ultima sera dell'anno a Cesano Maderno, in Brianza. Un uomo di 54 anni, padre di due figli, che era gravissimo, è infatti deceduto durante il trasporto in ospedale. Lo si è appreso dai carabinieri, che hanno ricostruito la vicenda.

Caldaia killer, muore 54enne a Cesano. Il figlio è grave: 'Ha provato a salvarlo'
Il figlio 18enne, che aveva cercato di soccorrerlo rimanendo a sua volta gravemente intossicato, è probabilmente fuori pericolo. Secondo i primi accertamenti di vigili del fuoco e asl, a causare le esalazioni sarebbe stato il malfunzionamento di una caldaia a gas. Ricoverati in ospedale la moglie dell'uomo, di 52 anni, e anche un secondo figlio di 14, che non destano preoccupazioni. Le indagini sono svolte dai carabinieri di Desio (Monza e Brianza), scrive sempre l'Ansa.
Come ricorda Repubblica, sempre il 31 dicembre, in mattinata, cinque persone erano state soccorse a Limbiate, sempre in Brianza, per una intossicazione da monossido di carbonio dovuta al malfunzionamento della caldaia.
caricamento in corso...
caricamento in corso...