Expo a un anno di distanza: ancora si fanno i conti (ma a Pisapia tornano)

02 maggio 2016 ore 11:12, Lucia Bigozzi
Un anno dopo. Dopo Expo 2015 e dopochè dati, numeri e commenti si sono sedimentati, è tempo di bilanci per Milano. E il bilancio di Expo coincide con un altro passaggio cruciale per il capoluogo lombardo: il mandato del sindaco Pisapia al capolinea (per sua scelta al primo “giro” a Palazzo Marino) e le elezioni ormai alle porte. E’ lo stesso sindaco in un’intervista a La Repubblica a riprendere il tema Expo per sottolineare cosa c’era prima e cosa c’è adesso: “Ricordo il clima che c'era nei giorni precedenti al Primo Maggio dell'anno scorso. C'era sfiducia e preoccupazione, anche io ero preoccupato, ma ero fiducioso. Il fatto che il 26 aprile avessimo inaugurato la nuova Darsena nei tempi stabiliti confermava la mia fiducia. Proprio la nuova vita della Darsena abbandonata è una delle eredità a cui Expo ha contribuito”. 

Expo a un anno di distanza: ancora si fanno i conti (ma a Pisapia tornano)
Dodici mesi dopo quel primo maggio 2015 la novità è che ol sito Expo ha riaperto i battenti internettiani per celebrare il “compleanno”.
Riavvio simbolico promosso da Regione Lombardia e Arexpo (la società pubblica proprietaria dei terreni dell'esposizione), accompagnato da un concerto dell'orchestra dell'Accademia Teatro alla Scala, coi solisti lirici che si sono esibiti di fronte all'Albero della vita. Un modo, come ha sottolineato il governatore lombardo Maroni per “tenere vivo e occupato da qui a quando si aprirà il cantiere per il vero post”. Ma il tema di oggi, di cui peraltro si discute da mesi, è cosa fare nell’area Expo? Attualmente è in fase di smantellamento e secondo i progetti del governo, più volte ribaditi dal premier Renzi, in questa area sorgerà una cittadella della ricerca il cui nome sarà Human Technopole. Per ora c’è la fase che Maroni chiama “fast post”, ovvero riapertura simbolica con concerti ed eventi. Nel frattempo, sul “dopo” Expo, il sindaco Pisapia è ottimista: “Non partiamo certo da zero, anzi siamo a buon punto. Il 27 maggio parte del sito tornerà aperto con alcune esposizioni della Triennale del design e altre iniziative come il Children park, concerti e altre iniziative culturali. Intanto sta proseguendo il lavoro per il masterplan definitivo che conterrà la cittadella dell'innovazione e della ricerca, un campus universitario. Qualche volta poi si dimentica che il 54 per cento dell'area sarà a verde, uno spazio verde grandissimo, il secondo parco d'Europa, anche grazie a un accordo di programma votato dalla nostra amministrazione”. Insomma, a un anno di distanza da Expo 2015 si fanno ancora i conti; e a Pisapia tornano. 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...