Harvard University. Cambiano i canoni moderni: vale di più chi indossa sneakers e t-shirt

20 marzo 2014 ore 7:15, Marta Moriconi
Harvard University. Cambiano i canoni moderni: vale di più chi indossa sneakers e t-shirt
L'abito non fa più il monaco. Uomo, ti vestivi di blu con la cravatta coordinata e la barba ben rasata per apparire a posto? Donna, ti mettevi il twin-set e gli orecchini di perla per dimostrare la tua sopraffine eleganza? Basta così. Fermatevi. Chi indossa sneakers, calzoni della tuta o una t-shirt è ritenuto più preparato, influente e interessante.
L'anticonformismo è il nuovo conformismo, o meglio la sostanza conta più dell'apparenza. Vi ricordate quando i nonni ci dicevano: chi bello vuole apparire un po' deve soffrire? Non è più così. Sei più bravo (e più figo), se rimani essenziale. Lo studio è dei ricercatori della Harvard University, autori di alcuni esperimenti pubblicati recentemente sul Journal of Consumer research. "E' la rivincita dei brutti anatroccoli", sottolinea il Wall Street Journal. La verità è che oggi le deviazioni alle norme socialmente riconosciute "indicano maggiori capacità di influenza e competenza, in sempre più campi, lavorativi e no", spiega Silvia Bellezza, della Harvard University che ha condotto la ricerca. Alla fine bastava osservare le reazioni di centinaia di persone in più esperimenti. Semplice: bastava analizzare prima gli studenti dell'università di fronte ai docenti che si mostravano con abiti classici o con barba e maglietta; e poi osservare per le strade dello shopping del lusso a Milano potenziali e finti clienti vestiti griffati o in tuta da ginnastica. Infine andare ai congressi e meeting fra scienziati, con relatori che indossavano scarpe da ginnastica rosse. In tutti gli esperimenti gli 'anticonformisti' sono stati ritenuti più preparati e importanti degli altri. Marchionne e il suo maglioncino ringraziano.
caricamento in corso...
caricamento in corso...