Fiat500L sbarca negli Usa... con gli stereotipi italiani. Il video

20 novembre 2013 ore 13:57, intelligo
Fiat500L sbarca negli Usa... con gli stereotipi italiani. Il video
di Micaela Del Monte. La Fiat500L sbarca negli Stati Uniti e con lei un "simpaticissimo" spot. Simpaticissimo, tra virgolette, perché se da un lato la pubblicità può sembrare divertente per via di una serie di pungenti scambi di battute tra una coppia di statunitensi e una classica famiglia all'italiana, dall'altra è il solito specchio che evidenzia i nostri difetti e gli stereotipi legati alla nostra nazione. Le solite incomprensioni linguistiche e la gestualità esagerata incorniciano il ritratto del nostro Paese. Il video inizia con una coppia di clienti americani che si reca dal concessionario per comprare un modello della casa automobilistica torinese. Al momento dell'acquisto però il venditore informa i clienti del particolare optional compreso nel prezzo: una famiglia italiana sul sedile posteriore che accompagna i proprietari della 500 in ogni viaggio. Da quel momento in poi inizia l'avventura (o disavventura?).
Fiat500L sbarca negli Usa... con gli stereotipi italiani. Il video
Nell'auto ci sono la mamma sempre preoccupata per i suoi figli e i due figli che non sopportano la madre troppo soffocante. Lo spot prosegue con il susseguirsi di diverse scenette in cui si parla dei mondiali di calcio con tanto di rigore decisivo, dell'odio verso il caffè americano, del pane all'aglio, delle inversioni a "u", delle pappardelle e dei soliti commenti sull'abbigliamento. Insomma, non manca nulla: siamo fatti così no? Poi i proprietari dell'auto, dapprima un po' indignati per le continue "chiacchiere" della famiglia che abita la loro auto, verranno conquistati dai tre italiani, impareranno la lingua e acquisteranno i modi di fare e la simpatia dei nostri. Nulla di offensivo sia chiaro, ma non siamo un po' stanchi di essere dipinti sempre allo stesso modo e sempre con le stesse fattezze?Mancava soltanto il classico mafioso con borsalino e fiore rosso all'occhiello e il quadro era completo. Fatto sta che alla fine agli americani piacciamo, e non solo per le nostre auto e il nostro cibo. Per vedere il video clicca QUI.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...