Borghezio: «Noi indipendentisti padani in contatto con quelli sardi. Gli aiuti? A sindaci e poteri locali»

20 novembre 2013, Micaela Del Monte
Borghezio: «Noi indipendentisti padani in contatto con quelli sardi. Gli aiuti? A sindaci e poteri locali»
Dramma sardo. Mario Borghezio, leghista doc, ha parlato a IntelligoNews della difficile situazione nell'isola ad un giorno dal disastro e rispetto agli aiuti dice chiaramente: "Bisogna aiutare il popolo sardo, per questo ho invitato gli indipendentisti locali a farsi promotori della raccolta dei beni di soccorso. Noi padani li consegneremo direttamente a loro".  

Parla di un'isola in condizioni di colonia. Ci spiega in termini pratici cosa intende? 

«La Sardegna appare oggi come una Regione al margine, soprattutto dal punto di vista delle strutture. Per esempio: i nostri colleghi europei hanno un'idea molto alterata di quest'isola, che conoscono solo per il turismo. Ma la Sardegna è anche fatta di strade dissestate e i suoi piccoli paesi sono completamente irraggiungibili. E oggi sappiamo che in tutta la Sardegna la Protezione Civile ha in dotazione un solo elicottero. Quanto ad industrializzazione è stata lasciata a se stessa e il sentimento di protesta che si è acceso è più che legittimo». 

In questo momento sappiamo che è in contatto con il leader degli indipendentisti Doddore Meloni a cui voi indipendentisti padani farete riferimento per gli aiuti. Insomma, è una cosa tra voi? 

«No, dico solo che bisogna aiutare il popolo sardo, per questo ho invitato gli indipendentisti a farsi promotori della raccolta dei beni di soccorso. Noi padani li consegneremo direttamente a loro perché, se aspettiamo che ci pensi lo Stato, ho qualche dubbio che arrivino. E dubbi ne ho anche sulla correttezza, abbiamo visto com'è stato con gli appalti di ricostruzione. Quindi è meglio che se ne occupino i sindaci e i poteri locali. Ovviamente dobbiamo anche cogliere l'occasione per porre all'attenzione dell'Europa la situazione sarda, è un isola abbandonata».

Ecco, lei ha detto che questa tragedia giustifica la questione dell'indipendentismo sardo: non è strumentale parlarne in questo momento?

«Non è strumentale, gli aiuti che trovano difficoltà ad arrivare rappresentano proprio il dito nella piaga di questa Regione. I sardi sono mal messi, senza autostrade, senza linee di comunicazione efficienti e linee ferroviarie moderne. E per una Regione che è tutta un bosco non è sostenibile. Ora, nell'emergenza, saltano fuori».  
caricamento in corso...
caricamento in corso...