Icardi da capitano: "Voglio vincere qui". E Milito lo paragona a Higuain

20 settembre 2016 ore 13:08, Andrea De Angelis
Nel cuore dell'estate 2016 sembrava a un passo dal Napoli. Poi, però, il suo cuore non si è tinto di azzurro, ma di nerazzurro. Ha deciso di restare all'Inter, di rinunciare alla Champions League, di giocare in una squadra che, salvo sorprese, difficilmente riuscirà a chiudere in classifica davanti a quella partenopea. 

Icardi resta a Milano. E continua a segnare. L'inizio di stagione della squadra è tutt'altro che positivo, ma lui invece sta andando decisamente meglio dello scorso anno. Quattro le reti realizzate in altrettante giornate, mentre l'anno scorso si fermò a sole 16 marcature. Insomma, la voglia di far bene è tanta e si vede. Del resto lo ha detto anche lui dopo la splendida vittoria contro la Juventus, nella quale ha realizzato un goal e fornito un preziosissimo assist: "Non ho mai detto di voler lasciare l'Inter. La società in estate ha fatto grandissimi investimenti, portando giocatori di qualità e questo è un vantaggio anche per me. Io voglio vincere con questa maglia, voglio restare qua, mi trovo bene in città e non ho mai pensato di lasciare questa squadra". 

Icardi da capitano: 'Voglio vincere qui'. E Milito lo paragona a Higuain
Questo potrebbe davvero essere il suo anno.
L'obiettivo è dunque vincere, pur sapendo che quest'anno arrivare sul podio sarebbe come portare a casa uno scudetto che, salvo sorprese, è già nelle mani di quella Juventus battuta 48 ore fa. "Il mio dovere è fare goal, poi sarete voi giornalisti a dire se sono il più forte", risponde a chi gli chiede se si sente o meno il numero uno in attacco. 
A servirgli un assist, questa volta non in campo, è l'ex Milito che dopo la vittoria di domenica ha dichiarato: "Questo Icardi vale Higuain, ma ha solo 23 anni". Della serie: può davvero diventare il numero uno. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...