Milan, Marina Berlusconi chiede il silenzio. Quindi ci siamo

23 aprile 2015, Andrea De Angelis
Si sa, quando si chiede di non parlare vuol dire che in realtà c'è molto da dire. Indiscrezioni, voci certo, ma rumorosissime. Al punto da non diffonderle, o quanto meno amplificarle. 

Milan, Marina Berlusconi chiede il silenzio. Quindi ci siamo
Difficile però riuscirci se quanto sta accadendo riguarda la squadra più vincente d'Italia a livello internazionale degli ultimi decenni, quella capace di insegnare calcio con Sacchi, di ottenere tutto con Capello, di risalire sul tetto d'Europa con Ancelotti. Poi il nulla, o quasi. Dopo Allegri buio pesto, con l'allenatore toscano di nuovo grande contro i rivali di sempre in quel di Torino. 

"Questa è una fase molto delicata, si impone il silenzio". Lo ha affermato il presidente di Fininvest e Mondadori Marina Berlusconi, rispondendo ai giornalisti a proposito delle trattative, in particolare con la cordata guidata da Bee Taechaubol, per la cessione di una quota del Milan.

"Sono state dette tante cose inesatte e non vere: è una fase delicata, il silenzio è d'obbligo", ha ripetuto Marina Berlusconi a margine dell'assemblea di Mondadori.

I tifosi aspettano e sperano. Ancora una volta, del resto il calcio è così. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...