L'economia riparte da Milano e con l'Expo. Nuovi contratti e opportunità. Eccoli

23 luglio 2013 ore 16:49, intelligo
di Giuseppe Tetto
L'economia riparte da Milano e con l'Expo. Nuovi contratti e opportunità. Eccoli
L’Expo punta sui giovani e da uno scacco alla disoccupazione. E lo fa mettendo in campo 800 posti di lavoro flessibili, grazie a un accordo raggiunto con le sigle sindacali. 
Apprendistato, stage e assunzioni a tempo determinato, sono questi i contratti in deroga che tra il 2014 e il 2015 andranno ad ampliare l'organico dell'ente organizzatore, che oggi conta 200 dipendenti e mira a toccare quota 325. «È la dimostrazione di come si può flessibilizzare e derogare in materia di lavoro», ha commentato l'amministratore delegato della società Expo e commissario unico Giuseppe Sala.
Il protocollo, che per ora riguarda solo la società organizzatrice, ha come obbiettivo quello di regolamentare tutto il fabbisogno complessivo della forza lavoro in campo, compreso quella dei Paesi che dall'inizio del 2014 cominceranno a costruire i padiglioni nazionali.
«È una piattaforma e un'opportunità che noi,  partendo da Expo - ha continuato Sala - offriamo al territorio e al Paese. Ne ho parlato stamani con il presidente del Consiglio, Enrico Letta, ieri sera con il ministro del Lavoro, Enrico Giovannini e con il presidente di Assolombarda, Gianfelice Rocca».
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...