Expo 2015 per la sostenibilità trasforma tre fusti di birra in un albero

23 luglio 2015, Marta Moriconi
Expo 2015 per la sostenibilità trasforma tre fusti di birra in un albero
E' ora di piantarla. Parliamo di Expo e di birra, sì è possibile. Ci sono alberi da piantare alla fine dell’Esposizione universale "ricavati" dalla birra. Ma il numero dipenderà dalla quantità di Co2 che Carlsberg riuscirà ad ottenere a Expo, comunque lo vedremo nello spazio sul Cardo su un tabellone elettronico che fino a ieri contava 367 alberi. 

L'idea è quella di riqualificare delle zone e l'ha avuta proprio Carlsberg Italia con il Birrificio Angelo Poretti, presenti a Expo. Il conteggio lo fa questo secondo birrificio, utilizzando un sistema di spillatura chiamato DraughtMaster con fusti in Pet riciclabile e nessuna immissione di anidride carbonica nell’impianto. Così la birra spillata è sostenibile.

Il progetto, in collaborazione con Legambiente, si chiama "L’orologio degli alberi" e Giorgio Zampetti, responsabile scientifico dichiara: "Per la sostenibilità Legambiente non è in contrapposizione, ma può anzi essere complice dello sviluppo industriale. Collaboriamo da tempo con Carlsberg perché è attenta veramente all’ambiente, l’abbiamo potuto verificare noi stessi. Per quanto riguarda il progetto l’Orologio degli alberi stiamo parlando con le amministrazioni locali per individuare zone che hanno bisogno di essere riqualificate e per il quale la presenza di verde darebbe davvero un apporto alla vivibilità del luogo. Insomma, non saranno piantati a caso. E non saranno piantati di nascosto, ma cercheremo di coinvolgere le scuole e le associazioni locali".

Alla presentazione del bilancio di sostenibilità 2014 di Carlsberg Italia ecco come è stata presentata l'iniziativa: "Nel 2014 abbiamo contribuito a ridurre di oltre 7.500 tonnellate le emissioni di Co2 in atmosfera: la quantità di anidride carbonica assorbita in un anno da oltre 302.000 alberi – spiega Alberto Frausin, amministratore delegato di Carlsberg Italia - Puntiamo tanto sulla sostenibilità, nei fatti. Ed Expo mi ha dato modo di parlarne anche con i vertici di Paesi del Nord Europa e con Michelle Obama".

Intanto si procede: tre fusti un albero da piantare tra querce, frassini, aceri, pioppi, cornioli, biancospini, ligustriolmi, carpini, ciliegi, meli.

Seguici su Facebook e Twitter
caricamento in corso...
caricamento in corso...