Domenica 27 marzo è Pasqua, cosa fare a Milano? Gli eventi

25 marzo 2016 ore 23:22, Andrea De Angelis
Tempo incerto in questa domenica di festa. Sole a sprazzi in mattinata, ad ora di pranzo le temperature raggiungeranno i 16 gradi, per poi scendere bruscamente e in serata arriverà anche la pioggia.

Iniziamo con un appuntamento che profuma di solidarietà...

Presso "Opera Cardinal Ferrari Onlus" di Milano torna anche quest'anno il "Grande Pranzo della Solidarietà di Pasqua". Tutto è pronto: tovaglie, tovaglioli, bicchieri, piatti e, naturalmente, tanto buon cibo, compresa la classica colomba. Appuntamento in via Giovanni Battista Boeri 3, per maggiori informazioni vai al sito

Per i bambini tanti laboratori prettamente pasquali! 

Al Museo della Scienza e della Tecnologia un menù davvero ricco e originale per questo giorno di festa. "Salva l'uovo" è aperto ai bambini maggiori di 7 anni accompagnati da un adulto, alla mattina dalle 11:00 e poi dalle 14:00 alle 17:00 . Ma questa è solo una delle tante offerte: ci saranno infatti anche laboratori sui materiali, sulla genetica, l'alimentazione, le biotecnologie e le invenzioni. Non mancano le attività per i piccoli dai tre ai 6 anni.
Il museo si trova in via San Vittore 21, il biglietto intero costa 10 euro, ridotto 7.50 (per gli adulti che accompagnano un bambino, per chi ha oltre 65 anni e chi ne ha meno di 25).

Domenica 27 marzo è Pasqua, cosa fare a Milano? Gli eventi
Amate la primavera? Allora perché non fare un salto al "suo" mercatino?

Piazza Portello sarà animata dal mercatino di primavera! Tornano le caratteristiche casette in legno, mettendo in mostra fino alla prossima domenica l’artigianato e gli antichi sapori della tradizione lombarda e trentina. Un evento imperdibile da vivere all’aria aperta sotto il primo sole primaverile. I visitatori potranno acquistare, tra gli altri, prodotti enogastronomici di prima qualità.

Bell'appuntamento a teatro con Riccardo Cocciante!

Notre Dame de Paris debuttava con la firma di Riccardo Cocciante al Palais des Congrès di Parigi il 16 settembre 1998, e fu subito trionfo. Quattro anni dopo, David Zard produceva la versione italiana con l'adattamento di Pasquale Panella: il 14 Marzo 2002, al Gran Teatro di Roma, costruito per l'occasione, si teneva la "prima" di quello che sarebbe stato il musical dei record. Un successo travolgente non solo in Francia e in Italia: è stata rappresentata anche in Inghilterra, Svizzera, Russia, China, Giappone, Corea, Canada e numerosi altri Paesi.
Lo spettacolo andrà in scena nelle domeniche di marzo a Milano al LinerCiak alle ore 16:00.

E per chi vuole andare al cinema sta per lasciare le sale Zootropolis

Nelle sale dal 18 febbraio, il nuovo capolavoro firmato Disney è anche un invito a combattere i pregiudizi. Non a caso la protagonista è una femmina di coniglio che sogna di diventare poliziotta. E se il sindaco è, come prevedibile, un leone ecco che il suo vice è una pecora con tanto di occhiali. E poi tantissimi altri personaggi che i bambini impareranno a conoscere e amare. Indovinate poi chi aiuterà il coniglio? Esatto, una volpe. "Gli animali ci danno sempre l'opportunità di parlare di noi in modo sottile - dice il regista Byron Howard - da bambino il mio film preferito era Robin Hood e volevamo celebrare quella tradizione in un modo originale è differente, scavando ancora più a fondo. Non ci interessa fare film per lanciare messaggi, ci interessa invece partire da un piano emotivo e arrivare a trasmettere qualcosa al pubblico". Sì, gli animali. La prudenza di una colomba, il coraggio di un leone, l'astuzia della volpe. Quante volte li usiamo per descrivere una nostra caratteristica. Osservandoli, poi, non si finisce mai di imparare. "Abbiamo dedicato 18 mesi allo studio degli animali - dice Howard - abbiamo studiato come interagiscono e socializzano nel loro ambiente naturale e come sono strutturate le loro comunità naturali".

Concludiamo con un evento per i più piccoli e le famiglie

Il Museo Bagatti Valsecchi è un luogo particolarmente adatto al turismo familiare ed è sempre lieto di accogliere le famiglie tra i propri visitatori; per questo si adopera perché grandi e piccini possano avere gli strumenti più adatti per godere al meglio della loro visita.
Il Museo, inoltre, esercita grande fascino e curiosità nei bambini: è una casa e per questo risulta familiare, ma al tempo stesso è grande e ricca di oggetti strani e misteriosi, che fanno pensare ai castelli delle fiabe, alle principesse, ai cavalieri o al passato meno lontano, ma così diverso dalla vita di oggi, in cui vivevano i bisnonni dei bisnonni. Clicca qui per visitare il sito del Museo. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...