Frecciarossa fino a Malpensa, ora si può

26 agosto 2014 ore 9:59, Micaela Del Monte
Un Frecciarossa fino a Malpensa: è un idea che in questi giorni si sta lentamente delineando e che potrebbe diventare realtà in breve tempo. Oggi infatti il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Maurizio Lupi, dovrebbe firmare un accordo con l’amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato Italiane, Michele Mario Elia, "per collegare gli aeroporti di Malpensa, Fiumicino e Venezia alla rete Alta Velocità/alta capacità".  
Frecciarossa fino a Malpensa, ora si può
  L’intesa verrà firmata al Meeting di Comunione e Liberazione in corso a Rimini e l’accordo, annunciato in una nota congiunta, è di particolare rilevanza visto che era una delle condizioni poste dall’Etihad per raggiungere l’intesa con l’Alitalia sottoscritta lo scorso 8 agosto. Nella nota si legge che l'accordo "prevede che il gruppo Fs, attraverso la società operativa Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) avvii entro il 2014 i primi studi per rafforzare la dotazione di infrastrutture ferroviarie legate agli aeroporti". Punto di partenza del progetto saranno dunque gli interventi dedicati ai collegamenti veloci con Roma Fiumicino, Milano Malpensa e Venezia Tessera, da realizzare con attività articolate per fasi funzionali. I piani terranno conto dello sviluppo della domanda di traffico prevista per i tre "hub" aeroportuali. Trenitalia predisporrà uno studio sui nuovi collegamenti Alta Velocità da e verso i tre aeroporti, individuando le connessioni più richieste con le maggiori città italiane e la frequenza dei collegamenti. Il compito di analizzare, entro il 28 febbraio 2015, i piani elaborati dalle Ferrovie dello Stato Italiane e di definire gli indirizzi per l’avvio delle progettazioni, individuando anche le risorse finanziarie disponibili spetterà direttamente al ministro dei trasporti. Verrà poi condiviso un cronoprogramma relativo a tutte le fasi di progettazione, sviluppo e realizzazione. La nota del ministero e delle Fs, tiene in oltre a far presente che "l’accordo nasce dall’esigenza di favorire collegamenti rapidi ed efficienti tra i tre aeroporti e le principali città, come avviene negli altri Paesi dell’Unione Europea, e lo sviluppo del turismo internazionale in tutta la penisola, grazie all’intermodalità treno-aereo".
caricamento in corso...
caricamento in corso...