H&M chiude 4 negozi in Italia ma non è crisi: "Decisione ingiustificata"

26 maggio 2017 ore 21:50, Micaela Del Monte
H&M chiude 4 negozi in Italia e annuncia 95 licenziamenti. Un tempo eravamo abituati ai numeri capogiro del colosso svedese dell'abbigliamento low cost, ora le cose sono ben diverse e H&M è costretto a chiudere ben 4 negozi italiani con il relativo licenziamento di 95 dipendenti.

H&M chiude 4 negozi in Italia ma non è crisi: 'Decisione ingiustificata'
Si tratta di due negozi presenti a Milano (zona San Babila e corso Buenos Aires), uno a Venezia e uno a Cremona. Una decisione che pare aver colto quasi tutti di sorpresa anche perché, a quanto risulta, H&M sarebbe tutt’altro che in crisi e anzi, continuerebbe a fatturare e ad aprire negozi sul territorio italiano. Proprio per tali ragioni, i sindacati hanno giudicato inaccettabile la decisione di chiudere i punti vendita e mandare a casa novantacinque dipendenti, ricorrendo alla procedura del licenziamento collettivo. Sempre secondo i sindacati, la decisione di chiudere i negozi e di ritrovarsi con tutti quei dipendenti in esubero, sarebbe giunta nel mezzo di un difficile confronto tra le parti.

Un atto giudicato "grave e inaccettabile" da parte dei sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UILTuCS, soprattutto "da parte di un'azienda che non versa certo in una situazione di crisi" si legge in una nota. "La chiusura dei negozi e la pesante messa in discussione occupazionale sono state decise unilateralmente dall'azienda nel bel mezzo di un difficile confronto tra le parti - denunciano i sindacati - nel quale Filcams Cgil, Fisascat Cisl e UILTuCS si erano peraltro rese disponibili a discutere di organizzazione del lavoro, con l'obiettivo, rendendo più efficiente la rete vendita H&M di salvaguardare l'occupazione".

Per i sindacati, la dichiarazione di esuberi annunciata dal colosso svedese dell'abbigliamento risulta "ancora più ingiustificata in considerazione della forte attività di espansione sostenuta dall'impresa, anche in relazione alla recente apertura di diversi punti di vendita a livello di gruppo e del ricorso spropositato e strutturale al lavoro a chiamata". Per questo i sindacati hanno proclamato "con decorrenza immediata" lo stato di agitazione dei dipendenti di H&M, anticipando "l'adozione di tutte le misure consentite a tutela della dignità e dei diritti dei lavoratori".
caricamento in corso...
caricamento in corso...