Starbucks a Milano, i piani di Schultz dalle palme in piazza al nitro caffè

28 febbraio 2017 ore 12:57, Americo Mascarucci
Howard Schultz amministratore delegato di Starbucks è pronto a dissipare ogni dubbio circa lo sbarco della multinazionale del caffè a Milano. Nei progetti di Schultz, uno spazio da 2.400 metri quadrati destinato ad occupare l'intero palazzo delle Poste di Piazza Cordusio. 
E ai due più importanti giornali italiani, Repubblica e Corriere della Sera svela i piani del gruppo annunciando che Milano sarà soltanto la prima tappa di un percorso che interesserà anche altre città italiane.
Starbucks a Milano, i piani di Schultz dalle palme in piazza al nitro caffè

Il progetto
Quello di Milano "sarà il nostro fiore all'occhiello. Un progetto unico", spiega il manager che la scorsa estate ha annunciato una partnership con Princi, la panetteria milanese che sfornerà i prodotti per tutte le Roastery del gruppo.
Schultz ha confermato anche la nascita di altri store.
"Sì ci saranno altri store, ma prima - ha spiegato - dobbiamo guadagnarci il rispetto dei consumatori italiani". 
Il piano di sviluppo della multinazionale, spiega Repubblica, prevede decine di milioni di euro di investimenti ed assunzioni iniziali di circa 350 persone fra dipendenti corporate e dipendenti dei punti vendita. 

La polemica sulle palme
Inevitabile per i giornalisti chiedere un commento sulle palme in PIazza Duomo che hanno diviso la città e che hanno dato luogo anche ad atti di vandalismo.
"Il dibattito sulle palme ci ha stupiti - ha detto Schultz - quando entriamo in una città nuova, soprattutto in una interessante e dinamica come Milano, vogliamo dare subito qualcosa alla comunità. Lo facciamo prima di aprire la caffetteria, è una sorta di captatio benevolentiae e anche per questo la reazione ci ha stupiti così tanto".

Cosa offrirà Starbucks
Al Corriere della Sera l'amministratore delegato spiega cosa offrirà lo store milanese:
"Ci saranno cinque nuovi caffé realizzati con tecnologie ideate da noi, oltre al tradizionale espresso. Ci sarà per esempio il ‘nitro caffé’ (miscela estratta a freddo utilizzando l’azoto liquido), infusioni di caffé e bevande innovative. Il cliente vedrà tubi che attraverseranno i soffitti nei quali passano i grani. Potrà comprare le miscele e i nostri prodotti legati al marchio. Poi ci sarà la tecnologia: wifi super veloce, musica con i partner di Spotify, servizi di pagamento fintech".
#Starbucks #milano #caffè

caricamento in corso...
caricamento in corso...