Gay: presidio a Milano di Forza Nuova e il Pd prova a impedirlo

03 febbraio 2015 ore 16:17, Marta Moriconi
Gay: presidio a Milano di Forza Nuova e il Pd prova a impedirlo
Dopo il convegno organizzato in Regione Lombardia a cui hanno partecipato MArio Adinolfi, Costanza Miriano e il direttore di Tempi Luigi Amicone, il tema della famiglia torna ad accendere il clima politico milanese.
Tutta colpa di chi, condivisibile o meno politicamente, vuole scendere in piazza per la "difesa della famiglia e dell'infanzia''. La volontà del movimento di Roberto Fiore, Forza Nuova, sarebbe quella di allestire un presidio per sabato in centro città. Ma il Pd non ci sta e protesta chiedendo al questore di intervenire per proibirne lo svolgimento. L'iniziativa da parte della mobilitazione nazionale del partito di destra radicale ''contro ogni imposizione delle teorie 'gender' nelle nostre scuole''. Al presidio verrà distribuito, annunciano da Fn, ''materiale informativo sulla dittatura omosessualista nella nostra società, sull'aggressione dei teorici del 'gender' nelle scuole, strumenti utili per organizzare la difesa dei propri bimbi''. E' a questo punto che la consigliera dem Rosaria Iardino ha detto basta: ''Non è possibile assistere impassibili all'emergere a Milano di iniziative omofobe ed oscurantiste, messe in campo dalle forze di estrema destra - protesta -. Spero che come nel caso del presidio contro le moschee, organizzato in piazza Scala lunedì scorso, poi vietato, la Questura imponga lo stesso divieto''. Ma il paragone pare azzardato... Il pericolo che adduce infatti per motivare un no a una manifestazione di piazza, che è comunque garantita dalla nostra Costituzione, è quello della sicurezza: ''Autorizzare un presidio di Forza Nuova a due passi dal centro sarebbe incauto. Milano non è e non sarà mai una città omofoba, ma resta un luogo aperto, libertario antifascista''. Chissà Pisapia da che parte sta... (ma.mo)
caricamento in corso...
caricamento in corso...