Vi raccontiamo il match tra Maroni e Pisapia con arbitro Malagò

04 ottobre 2013 ore 14:49, intelligo
di Micaela Del Monte.
Vi raccontiamo il match tra Maroni e Pisapia con arbitro Malagò
Si riapre la battaglia tra Roma e Milano per le Olimpiadi del 2024, questa volta però ad attaccarsi sono Giuliano Pisapia e Roberto Maroni che hanno incontrato il presidente del Coni Malagò in visita nel capoluogo lombardo proprio per cercare di decidere quale delle due città sarà più preparata ad ospitare l'evento. Malagò ha ribadito che "sarà accettata una sola candidatura". Pronta la risposta di Maroni che è andato allo scontro (vista anche l'assenza di Marino all'incontro a causa di impegni burocratici): "Il sindaco Marino è assente giustificato perché Roma è sull'orlo della bancarotta. Una città in queste condizioni non ritengo possa candidarsi" . Per il leader leghista, dunque, "Milano è la città ideale". Dal canto suo Pisapia è più prudente, il sindaco di Milano infatti non si sbilancia: "In tempi rapidi troveremo insieme la migliore soluzione per l'Italia", ma allo stesso tempo condivide l'idea che l'Expo farà del suo capoluogo "un punto di riferimento internazionale". Il sindaco di Milano, in un'analisi più lucida, riconosce anche l'importanza della Capitale dal punto di vista logistico: "Roma è più avanti anche perché nel 2025 ci sarà il Giubileo: è più preparata". Con queste spaccature interne e contrapposizioni tra i diretti interessati, nell'indecisione Malagò si troverà nella situazione più difficile: quella di scegliere tra le due città eterne rivali. Di tempo per decidere ancora ce n'è, ma è il caso di non prolungarsi troppo, soprattutto perché la Capitale ha bisogno di tempo per digerire l'eventuale selezione. Il prossimo appuntamento è previsto proprio a Roma per continuare ad analizzare la situazione, e magari chissà, si arriverà alla conclusione di questa telenovela con la presa di posizione del presidente del Coni.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...