Milano, pensionati in fila dalla notte: è la "prima lista", poi i 5S. Mai come Grillo in tenda

06 maggio 2016 ore 16:06, Americo Mascarucci
Attimi di tensione a Milano in occasione della presentazione delle liste elettorali alle amministrative del 5 giugno.
La lista dei Pensionati è quella che ha varcato per prima il secondo piano degli uffici del Comune di via Larga dove si consegnano le liste ma è stato necessario un parapiglia notturno con il Movimento 5 Stelle davanti all'ingresso di via Rastrelli. 
Il Partito dei Pensionati era già presente ieri sera con i propri rappresentanti e le bandiere del movimento al civico 7 di via Rastrelli. 
I 5Stelle si sono presentati alle 4,30 del mattino e hanno provato a mettersi in fila per primi. Il rappresentante dei Pensionati però ha rivendicato il diritto di varcare per primo la soglia, ed è nato un battibecco con i grillini che hanno sostenuto il principio in base al quale, essendosi il rappresentante dei Pensionati addormentato in auto, aveva perso il posto. 
La situazione è poi degenerata con i rispettivi rappresentanti delle due liste a sostenere le proprie ragioni fino a quando i Pensionati l'hanno spuntata varcando per primi il portone d'ingresso e presentando prima di tutti la propria lista.
Ecco alla fine l'ordine di arrivo;
Prima la Lista dei Pensionati seguita dai pentastellati. 
Al terzo posto, l'ex presidente del consiglio comunale Enzo Giudice, che si è presentato attorno alle sei per la lista "Milano Popolare"
Il numero 4 è toccato alla Lega, con il segretario provinciale Davide Boni, poi il Partito comunista dei Lavoratori e per sesta "Io corro per Milano", la lista civica di Stefano Parisi. 

Milano, pensionati in fila dalla notte: è la 'prima lista', poi i 5S. Mai come Grillo in tenda
I 5Stelle non sono nuovi a queste performance. Come dimenticare la notte in tenda fuori al Ministero trascorsa da Beppe Grillo per presentare per primo il simbolo del Movimento alle elezioni politiche del 2013?
Arrivato a Roma l'ex comico piazzò una tenda davanti al Viminale per essere pronto, all'apertura dei cancelli, alla presentazione del suo simbolo elettorale. Il comico genovese decise di accamparsi al Ministero e di passare lì la notte per accaparrarsi i primi posti in fila. Con lui in fila nella notte i militanti di Casapound e di altre liste, fra panini, pizze, birre e caffè lunghi per restare svegli. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...