Non solo Expo: a Milano completato il restauro di Galleria Vittorio Emanuele

07 maggio 2015, Adriano Scianca
Non solo Expo: a Milano completato il restauro di Galleria Vittorio Emanuele
Non solo Expo. O meglio: cogliendo l'occasione dell'esposizione universale, Milano si è rifatta il trucco. Uno dei risultati migliori è sicuramente il restauro della Galleria Vittorio Emanuele, tornata allo splendore delle origini dopo due anni di restauri. 

“Passeggiare a Milano oggi è ancora più bello. La Galleria restaurata è il cuore di Milano che si presenta al mondo in tutto il suo splendore. Il progetto che ha portato a questo risultato è stato reso possibile grazie alla collaborazione pubblico privato che ha unito istituzioni e grandi investitori come Prada, Versace e Feltrinelli”, ha dichiarato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia

I primi visitatori sono rimasti particolarmente colpiti da un'installazione alta tre metri e larga dieci, fatta di video all'interno e di specchi all'esterno che riflettono i colori degli stucchi e i volti dei passanti. Tale struttura sarà visitabile sino al 23 maggio. 

Parte integrante del progetto sono inoltre le 4 postazioni con panca e binocolo che invitano a sedersi e beneficiare di viste ravvicinate dei dettagli architettonici. 

Lo spazio ottagonale in cui è collocata l'installazione è collocato all'incrocio dei due bracci della galleria che collega piazza Duomo e piazza della Scala e, con i due corti bracci perpendicolari all'asse principale, le due laterali via Silvio Pellico e via Ugo Foscolo. 

La Galleria Vittorio Emanuele II fu progettata dall'architetto Giuseppe Mengoni e realizzata a partire dal 1865. Le statue che ne decorano la parte coperta sono dello scultore milanese Pietro Magni. Pesantemente danneggiata nei bombardamenti aerei inglesi dell'agosto del 1943, la galleria venne ricostruita al termine della guerra.
caricamento in corso...
caricamento in corso...