Milano, una scuola elementare dice no alle prove Invalsi

09 maggio 2014 ore 12:04, Vanessa Dal Cero
Milano, una scuola elementare dice no alle prove Invalsi
Dopo quattro anni dalla loro introduzione, le prove Invalsi continuano a far discutere la comunità scolastica: a Milano, in alcune classi della scuola elementare Morosini, sono state addirittura boicottate con sciopero.
Ma cosa sono le Invalsi? Per chi non ha figli/nipoti a scuola o parenti insegnati, è una parola pressoché sconosciuta. Sono prove standardizzate a livello nazionale per misurare i livelli di apprendimento e le competenze in italiano e matematica degli alunni di tutte le seconde e quinte elementari, di terza media e del secondo anno di superiori, dando così una fotografia del reale funzionamento della scuola italiana. Non sono un test classico da superare (tranne in terza media dove fanno parte integrante dell'esame finale di Stato), non danno votazioni a registro per gli alunni e non dovrebbero neppure promuovere o bocciare gli insegnanti... anche se molti si sentono si sentono giudicati!
Milano, una scuola elementare dice no alle prove Invalsi
Fatto sta che martedì 6 maggio per italiano e mercoledì 7 per matematica è stato tempo di Invalsi, in seconda e in quinta elementare; martedì prossimo 13 maggio sarà il turno delle seconde superiori, per finire poi il 19 giugno con le terze medie. Strutturate sotto forma di indovinelli, spesso a risposta multipla, ricordano i test di ingresso universitari, calibrate ovviamente con domande e tempi idonei al livello scolastico a cui si riferiscono; un primo approccio alle sfide della vita per i giovani studenti, molti dei quali si lasciano prendere dal panico per questa prova. Le Invalsi dovrebbero servire solo per misurare le performance dei ragazzi, dando alle singole scuole un punto di riferimento esterno verificato senza però etichettarle... ne siamo sicuri? Ad aumentare le polemiche degli insegnanti, alunni e genitori, quest'anno il Cobas ha gettato benzina sul fuoco proponendo uno sciopero contro l'insensato rito dei quiz, proprio nei due giorni previsti per lo svolgimento. Il risultato? C'è chi ha deciso di aderire e passare ai fatti: è il caso della scuola elementare Morosini di Milano, dove gli alunni di tre seconde su cinque sezioni non hanno fatto il test perché gli insegnanti hanno deciso di scioperare.  Le Invalsi avranno lunga vita? Si sta già lavorando per la somministrazione informatica dei test nel 2015 e per ulteriori prove in altre materie, staremo a vedere!
caricamento in corso...
caricamento in corso...