Ballottaggi, Torriero: "Perdono Renzi e Berlusconi. L'inciucio è finito"

26 giugno 2017 ore 11:34, Fabio Torriero

Un vincente e due sconfitti. Il popolo del non voto (l'astensione) arrivato al 46 per cento; segno, al di là della fisiologia legata ai ballottaggi, di una profonda disaffezione nei confronti di questa politica e della attuale sua rappresentanza (la crisi della classe dirigente).

A perdere sono invece, Matteo Renzi e Silvio Berlusconi. Il primo, perché il suo Pd arretra ovunque nelle città. Il secondo, perché ora dovrà fare i conti con il modello Toti (centro-destra unito, per di più a trazione leghista). Definitivamente seppellito, infatti, il Partito della Nazione o Patto del Nazareno-due, cioè l'inciucio partitico-moderato, in funzione anti-Grillo, che i due stavano costruendo a discapito dei loro alleati di coalizione, che a partire dalla nuova legge elettorale, avrebbe definito il perimetro di una nuova grosse koalition. A questo punto Berlusconi sarà costretto a rimangiarsi quanto affermato negli ultimi mesi, e dovrà cercare nuove non auspicate sintesi con la Lega e Fratelli d'Italia. E Renzi specularmente, dovrà ripescare la formula-Ulivo, facendo obbligatoriamente pace con i compagni-coltelli D'Alema e Bersani. Insomma, un nuovo vecchio bipolarismo con un Movimento 5Stelle in crisi e sfilacciato. Ultima considerazione:  oltre al dato simbolico (Genova, Verona, L'Aquila, Pistoia etc), il centro-destra tornato in auge da ieri, è il vecchio che torna. Inutile illudersi. Il cambio della guardia non porterà nessuna novità amministrativa. Forse soltanto qualcosa in più sul piano della sicurezza e la lotta all'immigrazione. Sul resto (visione della società, l'idea di città, temi etici), sostanzialmente non è diverso dal centro-sinistra.

Ballottaggi, Torriero: 'Perdono Renzi e Berlusconi. L'inciucio è finito'

 I DATI - A Genova grazie al voto del 42, 67% degli aventi diritto, vince Marco Bucci, candidato della coalizione di centro destra, con il 55,24% delle preferenze; a Verona hanno votato 200mila residenti elettori, pari al 42,39%, assegnando la vittoria al candidato, anch'egli del centro destra, Federico Sboarina che governerà la città con il 58,11% delle preferenze; a Parma riconfermato Federico Pizzarotti, uscito in polemica dal Movimento 5 Stelle che, con la propria lista civica "Effetto Parma", prosegue il proprio mandato raccogliendo attorno al proprio progetto il 57,9% dei voti favorevoli. In centro Italia, la città dell'Aquila chiamata al voto ha posto la gestione amministrativa nelle mani del candidato del centro destra unito Pierluigi Biondi che governerà con il 53,5% delle preferenze; infine al Sud a Catanzaro è stato eletto Sergio Abramo, candidato sindaco di Forza Italia, con il 64,4% dei voti a suo favore mentre a Taranto, città con l'affluenza alle urne tra le più basse di questo secondo turno di voto - 32,88% degli aventi diritto - ha vinto, sul filo di lana,  il candidato Pd Rinaldo Melucci, raccogliendo attorno a sè il 50,9% dei consensi.


caricamento in corso...
caricamento in corso...