La dieta mangia-tumore, a tavola affama le proteine

20 aprile 2017 ore 21:20, intelligo

di Eleonora Baldo


E’ una scoperta che farà certamente discutere, quella fatta da un team di studiosi del Cancer Research UK Beatson Institute dell’Università di Glasgow e pubblicata nella prestigiosa rivista scientifica Nature

Lo studio condotto dai ricercatori inglesi su alcuni topolini avrebbe infatti messo in evidenza come una dieta povera di “serina” e “glicina” potrebbe favorire l’indebolimento delle cellule tumorali, potenziando l’efficacia delle cure tradizionali e facilitando il percorso di guarigione dei pazienti. 

La sperimentazione ha messo in evidenza come una dieta priva di questi due aminoacidi abbia dapprima indebolito, letteralmente affamandole, le cellule tumorali, favorendo l’assorbimento dei farmaci tradizionali e incrementandone i benefici prodotti. Questo perché, una volta eliminate dalla dieta, serina e glicina - proteine prodotte anche autonomamente dal nostro corpo, a differenza di altre proteine definite “essenziali” che devono invece essere introdotte nell’organismo attraverso l’alimentazione - continuano ad essere prodotte dalle cellule sane, ma non da quelle malate che finirebbero indebolirsi progressivamente e alla lunga “morire di fame”.

La dieta mangia-tumore, a tavola affama le proteine

Tuttavia, pur riconoscendo l’importanza del risultato raggiunto, parte della comunità scientifica invita a mantenere una certa cautela, anzitutto perché si tratterebbe di una sperimentazione ancora ferma alle cavie animali, e in secondo luogo perché, come ha puntualizzato il dottor Maurizio Mascaroli, presidente della Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo, quando una una situazione simile “abbiamo tentato di prendere le cellule tumorali per fame, eliminando il glucosio dalla dieta dei pazienti abbiamo fatto più che altro danni, proprio perché l’organismo è in grado di produrre autonomamente questo nutriente. Ben vengano tutti questi tentativi, ma finora non siamo mai riusciti a tradurre i risultati ottenuti sui topi anche sull’uomo”.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...