Rc auto con lo sconto, come risparmiare sull'assicurazione

04 agosto 2017 ore 13:46, Luca Lippi
Con il via libera al ddl concorrenza, ormai diventato legge, sono state apportate anche modifiche al codice delle assicurazioni private, da qui alcune interessanti novità per gli automobilisti. Si dovrebbero avere premi assicurativi più leggeri: con l’articolo 132 ter, saranno previsti sconti molto sostanziosi a chi accetterà di far controllare preventivamente la propria auto all’assicuratore prima di stipulare la polizza. Poi c’è la ‘scatola nera’ e altri accorgimenti abbastanza costosi da precludere il risparmio sul premio per almeno 5 anni che sono gli anni necessari per ammortizzare la spesa dell’installazione dei dispositivi che dovrebbero far risparmiare.
Sarà l’Ivass, l’Autorità che vigila sulle assicurazioni, a stabilire i parametri della sopracitata scontistica, quindi siamo ancora in alto mare!
Rc auto con lo sconto, come risparmiare sull'assicurazione
Andando con ordine vediamo sinteticamente i vari casi in cui sarebbe prevista ala riduzione del premio assicurativo.

QUALI SCONTI E PER CHI
Un primo sconto sull’assicurazione auto previsto dalla nuova legge sulla concorrenza è riservato a chi installa a bordo la cosiddetta scatola nera. Si tratta di un dispositivo elettronico dotato di un rilevatore gps in grado di registrare una grande quantità di dati sul comportamento del conducente alla guida, anche in caso di incidente. 
La normativa riconosce anche uno sconto sull’assicurazione auto a chi, in alternativa alla scatola nera, accetta una di queste due soluzioni:
-sottoporre il veicolo ad un’ispezione preventiva da parte della compagnia;
-installare in macchina dei meccanismi elettronici che impediscono l’avvio del motore qualora sia riscontrato nel guidatore un tasso alcolemico superiore ai limiti stabiliti dalla legge.
Tuttavia, il governo deve approvare da qui a un anno un decreto per stabilire delle normative sulla scatola nera.
Altro sconto sull’assicurazione auto  riguarda i conducenti che negli ultimi quattro anni non hanno fatto incidenti. Se, in più, abita in una delle province con il tasso più alto di sinistri (si parla del Sud Italia), meglio ancora: anche per loro è contemplato uno sconto sull’assicurazione auto.
Risparmierà pure chi vorrà sottoscrivere più polizze per più veicoli e mettere nero su bianco una clausola di guida esclusiva. Per quanto riguarda, invece, le polizze accessorie, come la Furto-Incendio o la kasko, cioè le più diffuse, non ci potrà essere il tacito rinnovo se saranno state stipulare in abbinamento all’assicurazione Rc Auto.
La nuova legge sulla concorrenza mantiene la possibilità per l’automobilista danneggiato in un incidente di rivolgersi ad un carrozziere di fiducia e di ottenere, anche in questo caso (e non solo nelle officine convenzionate con le compagnie) il diritto al risarcimento del danno.

RISARCIMENTI
Per stabilire quelli non patrimoniali da incidenti si userà la tabella del Tribunale di Milano (più favorevole per gli automobilisti danneggiati) e non quelle dei singoli tribunali. I testimoni di un incidente devono essere identificati sul luogo del sinistro. A meno che l’identificazione sul posto non sia stata possibile. Il giudice potrà rifiutare la loro testimonianza se si presentano a tre processi diversi nell’arco di cinque anni. Si vuole, così, evitare possibili truffe.
In sostanza: per quanto riguarda il danno biologico, la nuova legge sulla concorrenza conferma la giurisprudenza secondo cui il risarcimento assorbe il danno morale. Il giudice non potrà personalizzare il rimborso, che può essere aumentato solo in caso di conseguenze rilevanti sulla vita ‘dinamico-relazionale’ e al massimo del 30% per le lesioni ‘non lievi’ e del 20% per quelle ‘lievi’.

ULTERIORI NOVITÀ
La nuova legge sulla concorrenza prevede di intensificare i controlli automatici per capire chi va in giro senza assicurazione obbligatoria. In particolare, sono allo studio delle norme per omologare Autovelox e Tutor (quindi senza la presenza di agenti di Polizia) alla verifica elettronica delle macchine in circolazione che non hanno la Rc Auto.
Per quanto riguarda la responsabilità civile professionale, le polizze attive al momento dell’entrata in vigore della legge devono garantire copertura sulle richieste di risarcimento presentate per la prima volta.

#RCAuto #ComeRisparmiare #Assicurazione #DdlConcorrenza

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...