Furbetti del cartellino, licenziamenti record: chi rischia oltre loro

11 luglio 2017 ore 9:46, Americo Mascarucci
Tempi duri per i furbetti del cartellino. Lunedì sera il Consiglio dei ministri ha approvato un decreto correttivo sul contrasto all’assenteismo nei pubblici uffici. In sostanza, viene confermato il decreto legislativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 30 giugno 2016 con cui il governo – in attuazione della riforma Madia della Pa – ha introdotto una procedura accelerata che consente in 30 giorni, prima di sospendere e poi di licenziare gli statali che timbrano senza andare in ufficio.
Furbetti del cartellino, licenziamenti record: chi rischia oltre loro

LE NUOVE NORME - L'impiegato che viene scoperto a falsificare la presenza deve essere sospeso entro due giorni, senza stipendio con la sola l'indennità alimentare. È chiamato a difendersi in contraddittorio con un preavviso minimo di quindici giorni e in un mese il procedimento disciplinare deve essere concluso. Il dipendente può essere chiamato anche a rispondere di danno all'immagine della P.A (procede la Corte dei conti entro 150 giorni). Il Testo Unico sul pubblico impiego prevede che l'iter accelerato valga anche per gli altri illeciti in flagrante come chi viene scovato a rubare o a corrompere. Per gli altri casi, quelli ordinari, invece il tempo massimo è di quattro mesi. Il Governo estende il concetto di “falsa attestazione” della presenza in servizio, stabilendo che si configura in presenza di “qualunque modalità fraudolenta”. 
Infine, le nuove regole stabiliscono anche il licenziamento e la responsabilità disciplinare per i dirigenti che, pur essendo a conoscenza dell'episodio di assenteismo, non fanno partire il procedimento di sospensione-licenziamento. Le amministrazioni saranno obbligate a comunicare, via web, all'Ispettorato del ministero l'avvio, la conclusione e l'esito dei procedimenti entro 20 giorni dalla loro adozione. Nella direttiva annuale del ministero sono previsti anche controlli a campione sulle amministrazioni da parte dell'Ispettorato della Funzione Pubblica, insieme alla Guardia di Finanza.

#furbetti #cartellino #licenziamento #decreto

caricamento in corso...
caricamento in corso...