Rischiatutto, chi è Pentassuglia: supercampione grazie agli "azzurri"

23 dicembre 2016 ore 10:48, Micaela Del Monte
Si è conclusa ieri sera l'edizione di Rischiatutto firmata Fabio Fazio. L'ultima puntata, una finalissima a tre, si è chiusa con la vittoria del supercampione Giuseppe Luca Pentassuglia che si è conteso il titolo con Stefano Orofino e Armando Vitolo, ovvero i tre che che hanno ottenuto le vincite più alte dell’edizione. 

Rischiatutto, chi è Pentassuglia: supercampione grazie agli 'azzurri'
Ma chi è il 30enne che si è aggiudicato ieri sera il titolo?  Pentassuglia vive a Perugia ma è nato a Bienne (Svizzera). Sebbene laureato in Ingegneria Civile, il concorrente vive per lo sport: è stata la storia della Nazionale Italiana ai Mondiali di calcio con cui si presenta a farlo trionfare nella puntata dell’8 dicembre con una vincita di 138mila euro e di nuovo il 15 dicembre con 108mila euro di montepremi, per un totale di 246mila euro. Per lui percorso netto – 10 risposte su 10 – nelle domande preliminari, quindi secondo posto al termine del tabellone di attualità dietro ad Armando Vitolo che però ha sbagliato il raddoppio (rispondeva su Alberto Sordi). Percorso netto di nuovo per Pentassuglia che somma ai 246mila euro vinti sino alla settimana scorsa i 136mila di ieri sera per un totale di 382mila: la domanda del raddoppio chiedeva le partite d’esordio dell’Italia in cinque edizioni diverse dei Mondiali.

Come detto il 30enne perugino è un vero esperto di calcio e per certi argomenti “azzurri”, il suo talento vittorioso è frutto di studio e interesse storico nutrito da una grande curiosità e memoria che lo hanno reso un concorrente imbattibile nei tabelloni, ma per certi ricordi Pentassuglia sfoggia l’esperienza di chi ha vissuto con partecipazione a gioie e dolori della Nazionale: “Come per i Mondiali del 2006, i Mondiali della mia generazione oggetto della domanda nella seconda puntata: credevo che quella vittoria fosse la mia più grande gioia legata al calcio, ma anche conquistare il titolo e questa cifra non è male! Ora sono contento di sfidare Orofino, visto che sono juventino come lui!”.

La conoscenza di altre discipline sportive, del calcio in generale nonché della geografia e uno spirito agguerrito lo hanno visto dominare nella fase centrale, dove ha gestito con oculatezza gli azzardi determinati dalla casella Rischio. Grande cultore dei viaggi, Pentassuglia si diletta anche come calciatore in una squadra di Prima Categoria.

La vittoria di Pentassuglia permetterà al campione di tornare in una eventuale seconda edizione. Nel frattempo però si gode il titolo di Supercampione.
caricamento in corso...
caricamento in corso...