A nuoto contro il limite di avere il diabete e quel "senso di diversità"

24 luglio 2017 ore 13:37, intelligo
Diabete e nuoto, un binomio che sconfigge il senso inferiorità che si prova per colpa di una malattia debilitante e anche la sensazione di essere diversi. Lo dice a chiare lettere dopo la traversata a San Foca, frutto della manifestazione itinerante «Dolce Mare», Monica Priore che è la nuotatrice brindisina nominata anche Cavaliere dell’ordine al Merito della Repubblica Italiana e ideatrice dell'evento: "Lo sport mi ha aiutato a superare il senso di inferiorità e di diversità". Basta fare le bracciate per sconfiggere il senso di inerzia dono del diabete che però non può costituire un ostacolo. Insomma la vita è come il nuoto, o ti sbracci o non vivi davvero. La trasformazione nella gestione del diabete è il vero obiettivo, per garantire a tutti una vita serena e attiva.

A nuoto contro il limite di avere il diabete e quel 'senso di diversità'
MESSAGGIO 
E il significato della manifestazione nelle acque del Salento, nella baia di Torre Dell’Orso è proprio quello, perché Monica Priore, affetta da diabete tipo 1 dall’età di 5 anni, vuole mandare un messaggio a tutti i malati: "Non poteva più essere il diabete a gestire la mia vita, ma dovevo essere io a gestire il diabete". Ed ecco la prima traversata a nuoto di ragazzi diabetici, con l'atleta accompagnata dalle giovani leve delle associazioni pugliesi: APDS (Associazione Pediatrica Diabetici del Salento) Onlus di Casarano, APGD (Associazione Pugliese per aiuto al Giovane con Diabete) Onlus di Bari, Delfini Messapici di Brindisi. 

SPORT ANTI DIABETE
L’intento è dimostrare anche che lo sport può offrire un fondamentale aiuto nella gestione della malattia: "Più che dal punto di vista fisiologico fare sport è fondamentale per lo sviluppo psicologico del bambino - sottolinea all'Ansa Alessandro Biffi dirigente medico del Comitato olimpico nazionale italiano - alcune importanti novità tecnologiche oggi permettono di bilanciare in tempo reale l'effetto dell'attività fisica e il dosaggio insulinico avvertendo in caso di iper- o ipo-glicemia improvvisa". La traversata coincideva con l'ultima tappa del tour Non perdere la direzione. Guida la tua glicemia, che da maggio ha attraversato 21 città italiane per sensibilizzare la popolazione sul diabete e sull’importanza di un corretto monitoraggio della glicemia.  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...