Samsung Galaxy S8: svelato trucco per sbloccare lo scanner dell'iride

26 maggio 2017 ore 8:45, Eleonora Baldo

Nubi grigie si addensano attorno al colosso della telefonia coreano Samsung. A turbare i sonni degli ingegneri della nota casa di produzione di smartphone, sarebbe l’esperimento condotto da alcuni hacker della Chaos Computer Club che avrebbero dimostrato quanto semplice sia ottenere lo sblocco del Samsung Galaxy S8 – previsto attraverso il riconoscimento dell’iride del proprietario – semplicemente utilizzando una foto e una lente a contatto.

Il gruppo di hacker avrebbe dimostrato la fallacità del sistema in maniera decisamente “banale”, ovvero scattando una foto a distanza di ben 5 metri del volto del proprietario, successivamente ingrandendola e ritagliando l’area dell’occhio. Fatto questo gli accoliti del Chaos Club avrebbero apposto una lente a contatto sopra l’immagine, in corrispondenza dell’iride per simulare la curvatura naturale dell’occhio. Ebbene, questi semplici espedienti si sono rivelati più che sufficienti per ottenere, una volta collegata l’immagine al sistema di riconoscimento dell’iride installato nel telefonino, lo sblocco del cellulare, dimostrando come il sistema non sia in grado di distinguere l’immagine dall’occhio reale.

Samsung Galaxy S8: svelato trucco per sbloccare lo scanner dell'iride

Da Casa Samsung, tuttavia, ribattono, sostenendo l’affidabilità del proprio sistema di riconoscimento, adducendo che “occorre una fotocamera ad infrarossi, non più presente nel mercato” e che è pur sempre necessario reperire l’immagine dell’occhio del proprietario dello smartphone e che questa deve inoltre essere ad altissima definizione, per rimanere nitida anche dopo l’ingrandimento. Nonostante queste rassicurazioni, tuttavia, a preoccupare è il fatto che ormai, con i telefonini di nuova generazione, le foto scattate e immesse in rete sono davvero moltissime e tutte ad altissima definizione.

 

caricamento in corso...
caricamento in corso...