Turchia, nave russa contro Ashot-7. I 78 marinai salvi

27 aprile 2017 ore 15:45, intelligo

Nelle acque del Mar Nero, a 29 chilometri dal villaggio di Kilyos (Turchia), a 40 chilometri dallo stretto del Bosforo, la nave di ricognizione della flotta russa del Mar Nero "Liman" si è scontrata con la nave Ashot-7. E’ stato confermato sia dalle fonti occidentali che russe che la nave è affondata a seguito del danno subito. Il Ministero della Difesa russo ha comunicato che la nave russa ha riportato una falla sotto la linea di galleggiamento. In soccorso alla Liman erano state inviate delle navi della flotta russa e un aereo An-26. La Guardia Costiera turca ha informato che tutti i 78 marinai russi sono stati salvati e che non ci sono stati né morti né dispersi.

Turchia, nave russa contro Ashot-7. I 78 marinai salvi

TENSIONI PRECEDENTI – Non ci sono avvisaglie di tensioni tra Russia e Turchia per quanto accaduto, ma in passato le relazioni russo-turche ebbero un inasprimento dopo l’abbattimento del Su-24M russo con un missile aria-aria lanciato dal caccia turco F-16, precipitato nella provincia di Latakia (Siria) il 24 novembre 2016. Il comandante dell'equipaggio, il colonnello Oleg Peshkov, dopo essersi catapultato fu ucciso in aria dai militanti delle forze anti-governative siriane. Di fronte al rifiuto della parte turca di porgere delle scuse e di pagare i risarcimenti, l'escalation della retorica causò l’inasprimento delle relazioni bilaterali e una serie di sanzioni russe contro la Turchia. La lettera conciliativa fu inviata da Erdogan alla Russia quasi un anno dopo, il 27 giugno 2016, in cui il Presidente turco espresse un profondo dispiacere per l'incidente sottolineando la disponibilità di ripristinare i rapporti tra la Turchia e la Russia. Nonostante l’apparente normalizzazione dei rapporti russo-turchi, quanto affermato stamattina dal consigliere del presidente turco Recep Tayyp Erdogan, Ilnur Cevik, la Turchia e la Russia continuano ad avere dei punti diversi riguardo la crisi siriana e la questione curda. Infatti, come è stato reso noto nei giorni precedenti, il Ministero degli Esteri russo continua a definire “inaccettabili” i raid aerei turchi contro le forze curde in Siria, lanciando alle parti gli appelli alla moderazione.

#Turchia #Russia #Liman #Ashot7

Di Irina Osipova

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...