Tumore al polmone? Una scoperta choc: c'era un giocattolo infantile

28 settembre 2017 ore 13:15, Micaela Del Monte
Un 47enne del Regno Unito si era recato in ospedale per un problema ad un polmone, problema che gli avevano rilevato essere un tumore. Dalla radiografia compariva infatti una grossa macchina nera che i medici non hanno potuto che identificare come una massa maligna. L’uomo era stato ricoverato in una clinica per tentare di risolvere problemi respiratori, dopo che da un anno tossiva e produceva muco. Era stato curato per una polmonite e, da quanto riportano i medici, i suoi sintomi erano migliorati.

Tumore al polmone? Una scoperta choc: c'era un giocattolo infantile
La radiografia però non sembrava lasciare scampo all'uomo e così è stato fin quando, durante la broncoscopia, i medici non hanno scoperto che quella macchia era in realtà un oggetto estraneo finito là chissà quando. Una volta asportato con la pinza si è visto che si trattava di un cono del traffico giocattolo, uno di quelli usati dai bambini quando giocano con le piste delle macchinine.

Fu in quel momento che il paziente cominciò a ricordare. Da piccolo giocava sempre con le piste delle macchinine. "Il paziente ha poi riferito di aver regolarmente giocato nella sua infanzia con quei giochi e di aver anche inalato piccoli pezzi, ricordando addirittura di aver ricevuto quel set di Playmobil per il suo settimo compleanno e di aver inalato un cono del traffico subito dopo", spiegano i medici nel rapporto.

Secondo gli esperti si tratta di un caso eccezionale. Generalmente, infatti, i sintomi si accusano entro una settimana dall’inalazione e non di certo quarant’anni dopo. Quello che probabilmente è accaduto, come ipotizzano i medici, è che le vie aree sono riuscite ad adattarsi e il cono è stato assorbito dalla mucosa. Poi, trattandosi di un accanito fumatore, probabilmente molti dei sintomi sono stati scambiati con quelli tipici delle sigarette.
caricamento in corso...
caricamento in corso...