Francia, duello Macron-LePen: chi ha vinto e chi ha perso

04 maggio 2017 ore 11:30, Andrea De Angelis
Duello televisivo senza esclusione di colpi. Chi ha vinto e chi ha perso? I sondaggisti e i giornali si mostrano divisi. Ieri sera i cittadini francesi sono rimasti incollati davanti al televisore, con un occhio ai social, pronti a dire in rete la loro sul duello che andava in onda. Rigorosamente in diretta. Una sfida tra i due candidati all'Eliseo. Uno dei due tra meno di cento ore prenderà il posto del Presidente Hollande. Sarà Macron, suo ex ministro, capace in nove mesi di mettere un piedi quelli che alcuni considerano già un miracolo politico? Oppure Marine Le Pen, in grado di prendere in mano un partito "scomodo" e portarlo addirittura a diventare la maggioranza del Paese? In entrambi i casi sarà un unicum, visto che i due partiti storici degli ultimi decenni sono già, clamorosamente, fuori dai giochi.

Francia, duello Macron-LePen: chi ha vinto e chi ha perso
LE ACCUSE
Uno davanti l'altro, entrambi in abito blu. A moderare la serata Nathalie Saint-Cricq e Cristophe Jakubyszyn, i due giornalisti che hanno faticato non poco per cercare di smorzare i toni dei due partecipanti, il più delle volte senza successo. "Madame Le Pen - Macron la chiama sempre così - dice solo menzogne e stupidaggini (bêtises in francese)". Questo il ritornello di Macron, che non ha certo risparmiato colpi alla sua sfidante. Per tutta la durata del dibattito Le Pen ha chiamato Macron "ministro dell’Economia", "consigliere di Hollande", "pupillo del sistema e delle élite" e addirittura "Hollande junior". Non male, considerando che il candidato del partito del presidente uscente ha preso solo il 6%. Macron ha però risposto dandole del "parassita del sistema" ed "ereditiera della politica". "Lei vuole chiudere tutto, fabbriche e ospedali, tranne le frontiere", ha attaccato lei. Pronta la risposta di lui: "Un Paese che è stato la luce del mondo non sarà il Paese dell’oscurantismo".

IL TERRORISMO
Da Nizza a Parigi. Non poteva mancare il tema del terrorismo sul tavolo, ed anche in questa occasione tra i due sono volate accuse reciproche. Gli oltre 16 milioni di telespettatori che hanno seguito il confronto tra i due hanno sentito Marine Le Pen dire che "sicurezza e terrorismo sono problemi importanti e assolutamente, totalmente assenti dal progetto di Macron", colpevole di "essere compiacente sul fondamentalismo islamico". Macron ha risposto affermando che "la più grande speranza dei jihadisti è che Le Pen salga al potere in Francia, poiché loro cercano la radicalizzazione e la guerra civile che lei porterà nel Paese". 

LE BATTUTE
"Comunque vada la Francia sarà guidata da una donna, o io o Angela Merkel". Questa, forse, è la miglior battuta andata in scena ieri. Anche se, fanno notare molti, il rischio è che nessuna delle due "mangi il panettone" (usando un termine calcistico) questo inverno. L'ipotesi che a guidare i due Paesi siano Schulz e Macron non è infatti da considerare remota. Ci sono state poi altre battute, più o meno al vetriolo, pronunciate sul piccolo schermo dai due esponenti politici. "Gli operai hanno capito che non propone nulla, solo selfie", ha detto Macron. Chiaro il riferimento alla visita alla Whirlpool a poche ore di distanza che tanta eco ha avuto sui media francesi.

I NUMERI
Secondo le prime stime diffuse da BFMTV al termine della trasmissione, il 63% degli spettatori avrebbe considerato Macron "più convincente" della sua avversaria, rimasta ferma al 34%. Un dato che conferma i risultati diffusi da un sondaggio pubblicato ieri pomeriggio da Le Monde, che vedrebbe Macron aggiudicarsi il secondo turno di domenica con il 59% dei voti. Numeri questi che lasciano ben sperare il candidato centrista, anche se lo stesso non può ignorare quanto dicevano i sondaggi dopo il confronto televisivo tra Clinton e Trump. La candidata democratica favorita praticamente per tutti e poi inesorabilmente sconfitta. Un precedente che consiglia a Macron di lottare fino all'ultimo istante, come del resto gli ha ricordato già Hollande dopo il primo turno...

#macron #lepen #francia 





caricamento in corso...
caricamento in corso...