Che fine ha fatto Naomi Campbell

11 ottobre 2017 ore 10:32, intelligo
Di Naomi Campbell, Flavio Briatore, suo compagno per un certo periodo, ha detto sulle pagine de Il Giornale: "Una donna difficile, e non per il carattere. Ha una popolarità smisurata, starle vicino era pesante, ma non voleva una famiglia, quello che per lei contava era la carriera".  
Si dice di lei che risponda a una sorta di regole che si è data lei stessa. Infatti, tutti le riconosco una volontà granitica, la capacità capire a una prima occhiata se l’interlocutore o l’interlocutrice del momento valgono il suo tempo o la sua attenzione permettendole così di risparmiare risorse, di non permettere ad ansia e timori di bloccarle il camino seguendo un vecchio detto che recita: “Trasforma le tue preoccupazioni in speranza e le tue paure in fede”. E ancora, di non lasciare che siano i rimpianti a vincere, mille volte meglio sbagliare ma averci provato; di fregarsene del giudizio della gente perché tanto, qualsiasi cosa faccia ci sarà sempre qualcuno che non approverà; di fare sempre ciò che la rende felice anche se per chi le sta intorno quella dovesse rivelarsi una decisione incomprensibile; tutte le mattine, guardandosi allo specchio, di trovare la voglia di sorridere a se stessa e di  promettersi di fare di tutto per essere felice, ma allo stesso tempo di essere sempre grata al destino per le opportunità che ha perché è cosciente che non dureranno per sempre; essere orgogliosa e fiera delle sue scelte anche quando si dovessero rivelare sbagliate se sa  di averle operate in buona fede; lasciarsi dietro alle spalle ieri e essere concentrata sempre sull’oggi e sul domani. E, per finire, la grande capacità di Naomi di fare della sua mente la sua prima alleata.  Una serie di regole che hanno permesso a questa donna di essere la più famosa, ricercata e pagata top model al mondo e di apparire sempre perfetta e bellissima nemmeno avesse fatto un patto col diavolo. Ma, soprattutto, una forza interiore che le ha permesso di scegliere, almeno per quello che appare, proprio il tipo di vita che voleva e che vuole.

BIOGRAFIA
Naomi Elaine Campbell nasce a Londra, nel quartiere di Streatham, il 22 maggio del 1970, figlia di Valerie Morris, una bellissima ballerina giamaicana. Del padre della bimba, però, non vi è traccia. Non è chiaro se Valerie sappia chi sia e, nel caso, se abbia mai rivelato a sua figlia l’identità dell’uomo. L’unica cosa che si sa è che qualche tempo fa, un certo Errol Campbell, che ha da poco scontato una condanna per stupro, ha chiesto a Naomi di sottoporsi al test del DNA per dimostrare che è lui il genitore. Né Naomi né sua madre si sono presi la briga di dar seguito alla cosa, tacciandola come una bufala di un cacciatore di notorietà. 
Bellissima fin dall’adolescenza, Naomi è alta 1,75 per 57 chilogrammi, e ha misure da far invidia alla perfezione, 86-61-86, il tutto accompagnato da un viso dai lineamenti perfetti e con due occhi profondi ed emozionanti capaci di toccarti l’anima. Inevitabile che una ragazza con queste caratteristiche venga notata fin da subito dai cacciatori di talenti che cercano sempre ragazze spettacolari per le passerelle della moda. Sua madre sa che quello è un mondo difficile e pericoloso per una ragazzina, e vorrebbe che Naomi continuasse i suoi studi, ma la ragazza ha invece capito che quella della moda è la sua strada e non ascolta ragione. Ha solo 15 anni quando inizia la sua scalata. Da allora la super modella è apparsa su almeno 500 copertine di rivista in tutto il mondo, ed è stata il volto e il corpo di campagne pubblicitarie per Burberry, Prada, Versace, Chanel, Dolce & Gabbana, Marc Jacobs, Louis Vuitton, Yves Saint Laurent e Valentino.
Se poi ancora non bastasse, Naomi è stata la prima modella di colore ad apparire sulla copertina della rivista Time, dell’edizione francese  e in quella russa di Vogue, nonché la prima modella nera inglese ad apparire sulla copertina di British Vougue.  Nessuna mai, come lei, sa dominare la passerella mentre presenta una collezione. Addosso a lei qualsiasi straccetto sembra un abito degno di una regina, per questo non solo nomi altisonanti come Versace, Valentino, Givenchy, Anna Sui, Louis Vuitton, Dolce & Gabbana, Gianfranco Ferrè, Chanel, Fendi, Prada, Roberto Cavalli, Christian Dior, Hermés, Blumarine, Tommy Hilfiger, Yves Saint Laurent, Jean Paul Gaultier, Marc Jacobs, John Galliano, Dsquared, Vivienne Westwood, Rocco Barocco, Ralph Lauren, Oscar de la Renta, Zac Posen e moltissime altri, le affidano le loro collezioni. Prende compensi da capogiro, Naomi, ma li vale tutti e per qualsiasi brand della moda è un investimento destinato a rendere.
In più, come sempre accade in casi come quello di Naomi, dopo la moda davanti alla ragazza si aprono scenari innumerevoli.  La Campbell appare in tanti spettacoli televisivi, musicali e film tra cui The Cosby Show", "Il principe di Bel-Air", "Erotica" di Madonna, "È questo amore" di Bob Marley e "In the Closet" di Michael Jackson. Inoltre, ha posato senza veli per la rivista Playboy, ed ha partecipato al noto libro fotografico di Madonna Sex. Nel 1996, 1997, 1998, 2000, 2002, 2003 e 2005 ha partecipato all'annuale sfilata di Victoria's Secret.
Ma a cotanta meraviglia poteva bastare tutto ciò? Ovviamente, no. Così Naomi è diventata anche produttore esecutivo di un programma televisivo di successo, “The Face”, in onda dall’inverno del 2012, una sorta di talent per scoprire le future regine della passerelle. Nel tempo, The Face ha collezionato anche una versione inglese e una australiana. In tutto questo, Naomi Campbell ha sempre trovato il tempo per opere filantropiche, come promuovere all’epoca la missione di Nelson Mandela in Sudafrica raccogliendo per lui fondi in tutto il mondo, tanto che il famoso uomo politico l’ha poi nominata “sua nipote onoraria”. Inoltre, nel 2005, Naomi ha fondato Fashion For Relief , uno spettacolo di moda a fini caritatevoli per raccogliere fondi a favore delle vittime dell’uragano Katrina che aveva colpito New Orleans. Dopo di allora, Fashion for Relief ha avuto successive edizioni presentate a New York, Londra, Cannes, Mosca, Mumbai e Dar es Salaam, raccogliendo milioni di dollari per cause diverse.

PRIVATO
Per quanto riguarda la vita privata di Naomi, tutti sanno che la modella non si può definire costante i amore. Non si è mai sposata e non ha avuto figli, ma le si conoscono relazioni con Adam Clayton degli U2,  Quincy Jones e Chris Blackwell , Joaquin Cortès e Puff Daddy, nonché con il poco romantico Mike Tyson, fino a che è finita nelle braccia di un noto "viveur" come Flavio Briatore, e pare anche in quelle di De Niro, Eric Clapton, Alberto di Monaco, Kevin Spacey , anche se con quest’ultimo abbiamo dei dubbi perché è notoriamente gay.  Dal 2010 al 2013 ha avuto una relazione con Vladislav Doronin, mentre ora sembra si sia legata a un miliardario greco.  Evidentemente, svolazzare di fiore in fiore fa bene, visto che oggi a 47 anni, sembra ancora una splendida ventenne. In bocca a lupo, Venere nera…

di Anna Paratore

#naomicampbell #chefinehafatto #modella
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...