Bixby nel Galaxy S8: l'assistente vocale evoluto a cui chiedere tutto

21 marzo 2017 ore 11:19, Andrea De Angelis
Ma cosa avremo mai da chiedere a questo assistente virtuale? Cosa dovremo fare con tutta quell'intelligenza artificiale? La domanda sorge spontanea, soprattutto a chi quando ha bisogno di un'informazione ama ancora chiederla al passante, anche a costo di doversi fermare in automobile. Il motivo può essere nella pigrizia di non dover cercare con il navigatore sullo smartphone, ma anche nel fatto che lo smartphone semplicemente non fa parte degli oggetti di cui si è in possesso. Oppure il fascino per il caro, vecchio consiglio di una volta. Chi scrive conosce una coppia che si è conosciuta così, sulla banchina di un treno. Chiedendo un'informazione. Presto si sposeranno, ma cosa sarebbe accaduto se avessero preferito l'assistenza virtuale?

Bixby nel Galaxy S8: l'assistente vocale evoluto a cui chiedere tutto
SAMSUNG RIPARTE DAL GALAXY S8
Detto ciò, cerchiamo adesso di capire però qual è la grande novità che sta presentando Samsung. L'azienda sudcoreana, con filiali in oltre 50 nazioni, è chiamata a rilanciarsi dopo le difficoltà avute in quello che, forse, è stato il suo anno peggiore. Ovvero il 2016. Per farlo punta molto sul Galaxy S8, prodotto attesissimo dagli amanti del settore e che a detta degli esperti permetterà a Samsung di lasciare il terzo gradino del podio. Davanti a lei di recente, infatti, oltre ad Apple anche Huawei, la cui crescita in Europa è davvero esponenziale. 

ASSISTENTE VIRTUALE
Non si tratta di una vera e propria novità, visto che Bixby è semmai una conferma. Di certo tra le più attese. Così torniamo all'inizio, quando abbiamo parlato di questo assistente virtuale che risolverà tanti dei nostri problemi. Pazienza se poi non incontreremo la persona della nostra vita. Battute a parte, Bixby è al momento il rivale numero uno di Siri, l'aiutante di casa Apple di cui certamente la maggior parte dei lettori avranno già sentito parlare. Un'assistenza "a 360 gradi", promette Samsung. La capacità di comprendere non solo le domande classiche (ad esempio su meteo o ristoranti nelle vicinanze, con tanto di pause ad hoc prima del punto interrogativo), ma anche vere e proprie frasi. Insomma, i miglioramenti ci sono e ancor di più ve ne saranno in futuro visto che l'azienda sudcoreana punta ad introdurlo presto anche nelle Smart Tv. Da assistente virtuale, dunque, a maggiordomo. 

LE LINGUE DI BIXBY
Bisognerà aspettare il 29 marzo per capire quali lingue sarà in grado di comprendere Bixby. Già per chiamarlo, infatti, non è chiaro se sarà sufficiente la voce oppure se si dovrà ricorrere necessariamente ad un tasto. Detto questo, la speranza è che l'italiano sia tra le lingue conosciute dall'assistente virtuale di Samsung. Possibilità? Alta, ma come detto occorrerà aspettare la prossima settimana. In rete c'è intanto chi scommette che presto Bixby, un po' come accade per i "vecchi" navigatori, sarà in grado anche di esprimersi nei dialetti. E lì sarà difficile non farsi strappare un sorriso. 

#bixby #samsung #galaxys8
caricamento in corso...
caricamento in corso...