Boom di denunce alla Polizia: nuova truffa bancomat a Napoli

20 marzo 2017 ore 10:19, Luca Lippi
Nuova truffa dei bancomat scoperta a Napoli. L’ innovazione nell’ambito delle pratche truffaldine è sempre piu veloce, ma altrettanto veloce è l’innovazione da pare delle forze dell’ordine per farvi fronte.
La valanga di denunce arrivate ai vari commissariati di polizia del capoluogo partenopeo hanno fatto allertare immediamente gli investigatori che sono già al lavoro per arrestare il fenomeno.
Nell'ultima settimana sono cinque gli episodi tra Chiaia, Vomero e Arenella, che ricalcano come un copione la stessa identica dinamica criminale allo scopo di derubare la vittima dei suoi risparmi, estorcendole la carta bancomat senza neanche se ne possa accorgere. In pratica, quello che le vittime hanno raccontato agli agenti è sempre lo stesso meccanismo, che potrebbe essere riconducibile a uno o più responsabili specializzati in questo tipo di truffe.
È proprio in quel momento che la truffa si consuma, perchè l'apparecchio che in realtà è stato allestito dai truffatori, non restituisce la tessera originale ma una carta scaduta che la vittima non riconosce immediatamente. Per evitare che la vittima possa accorgersi di non aver ricevuto indietro la propria carta, infatti, solitamente i complici dei truffatori si presentano davanti all'istituto di credito facendo finta di dover entrare e prelevare di modo da mettere fretta al soggetto truffato.

La polizia sta indagando sulla modalità di come vengono rubati i codici segreti per utilizzare la tessera ma in ogni caso l'invito è quello di allertare immediatamente il 113 quando si nota che per uscire dall'istituto di credito bisogna inserire la tessera in un apparecchio che poi puntualmente viene smantellato dai truffatori che scappano col bottino dei bancomat derubati. 

Boom di denunce alla Polizia: nuova truffa bancomat a Napoli

Appena nel luglio scorso, sempre le forze dell’ordine avevano allertato i cittadini su una truffa sempre ai bancomat, dove le vittime predestinate erano soprattutto persone anziane.
I truffatori, generalmente in tre, fanno finta di attendere il proprio turno o di aver appena finito il loro prelievo e si attardano nei pressi dello sportello. Normalmente uno sbircia il prelievo e prende nota del numero segreto della carta. 
Al momento del prelievo, quando la vittima ritira i soldi dalla macchinetta, uno dei truffatori mette una banconota a terra e chiede se è caduta. Nel momento in cui ci si distrae, proprio l’istante in cui il bancomat restituisce la tessera bancomat, il complice approfitta dell’attimo e toglie il bancomat sostituendolo con uno falso. Il cliente se ne va così con la tessera falsa, mentre chi ha truffato può prelevare con la carta vera.
L’avvertenza è quella di non farsi mai distrarre da nessuno quando si è allo sportello bancomat. Anzi, cercare di stare sempre da soli, o comunque a distanza da altre persone, mentre si effettua il prelievo.
Una nota importante, tutto il mondo è paese, le truffe ai bancomat si stanno moltiplicando anche all’estero.

#Truffe #bancomat #Napoli #Polizia
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...