"Un tesoro di contadina": in libreria il romanzo "verghiano" di Alfonso Francia

16 giugno 2017 ore 13:12, Americo Mascarucci
Si intitola Un tesoro di Contadina il libro dello scrittore Alfonso Francia pubblicato da nuove Edizione Koiné. Un romanzo che richiama lo stile tipico di Giovanni Verga a metà fra commedia e ironia amara dove si intrecciano i destini di personaggi tipici di una certa cultura contadina del Sud Italia, una società povera, fortemente legata a tradizioni e consuetudini che sembrano determinare i destini di tutti. Personaggi che soltanto negli angoli più nascosti del Meridione d’Italia era possibile incontrare e che sono pronti per interesse a far emergere i lati peggiori di loro stessi.
'Un tesoro di contadina': in libreria il romanzo 'verghiano' di Alfonso Francia

TRAMA - La storia è ambientata nella tranquilla Trezzano (Cilento) del primo dopoguerra ed ha per protagonista una splendida contadina (la più bella del paese) che sta per sposarsi con un ricco possidente. Un matrimonio dunque che dovrebbe cambiare per sempre le sorti della ragazza, passando da una vita modesta ad una agiata: il sogno di qualsiasi donna desiderosa di uscire dalla vita familiare per vivere una nuova dimensione, economica e sociale, certamente più elevata. Ma ecco che il matriminio per una spiacevole serie di circostanze viene rimandato. Improvvisamente la storia diventa il palcoscenico in cui si muovono tutta una serie di personaggi che riescono a mettere in mostra i loro lati peggiori, le loro ambiguità, la loro spregiudicatezza; il tutto avviene a causa del rinvenimento di una collezione di gioielli antichi a corredo della sepoltura di un misterioso gigante. La storia ha un lieto fine, dove a pagare sono i cattivi, ma soltanto quelli poveri, perché i ricchi riusciranno comunque a farla franca. Il libro si trasforma da un romanzo in stile verghiano in una commedia all'italiana, con il Cilento che da luogo ideale per vacanza diventa anche un posto dove possono viversi avventure incredibili: fughe dall’altare, risse notturne, bisticci tra preti e podestà rigorosamente fascista in pubblico ma omosessuale nell'intimità, risuscitazioni di briganti e incredibili scoperte archeologiche.

L'AUTORE - Alfonso Francia, nata nel 1984 a Pavia vive a Roma da sempre ma ha parenti un pò ovunque compreso quel Cilento in cui è ambientato il racconto. Lavora in banca ma come lui spiega "per campare, discutendo in inglese con tedeschi e francesi". Quindi scrive per restare "sano di cervello". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...