Da Livorno a Perugia, bimba non vaccinata colpita da meningite severa

02 agosto 2017 ore 9:42, intelligo
Una forma severa di meningite a colpito una bambina di otto anni, ricoverata da domenica nel reparto pediatrico dell’ospedale di Perugia. Subito è scatta la profilassi per la piccola che, appena tornata da una vacanza in Toscana nel mare vicino a Livorno, è stata accompagna dai genitori al Santa Maria della misericordia per un violento mal di testa. «Le condizioni sono stazionarie, ma sarà necessario un monitoraggio nelle prossime 48 ore per verificare l'efficacia della terapia», sottolinea la professoressa Susanna Esposito, responsabile della pediatria, in una nota dell'ufficio stampa dell'Azienda ospedaliera. 

Da Livorno a Perugia, bimba non vaccinata colpita da meningite severa
Dall'anamnesi è emerso che la bambina era stata sottoposta alle vaccinazioni obbligatorie. «Ma non a tutte quelle raccomandate dal piano del Ministero della Salute, e tra queste quella anti meningococco»
, spiega la professoressa Esposito. Questo è l’ennesimo caso di meningite nel nostro Paese, serve quindi prestare attenzione e conoscere le cause che provocano questo male. 

CHE COS'È LA MENINGITE 
La meningite è un'infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. Può svilupparsi in forma infettiva o batterica. Nel primo caso, le conseguenze non sono molto gravi e si risolve in poco più di sette giorni. Mentre, nel secondo caso, più raro, ci sono effetti gravi che possono portare a danni permanenti e alla morte.  

I SINTOMI 
I sintomi della malattia possono essere sonnolenza, apatia e inappetenza per poi peggiorare in un forte mal di testa, nausea, vertigini e anche febbre, nel giro di pochi giorni 

COME SI TRASMETTE 
La meningite si trasmette per via aerea da persona a persona, con tosse, starnuti, baci o mentre si parla. Di solito, l'agente patogeno non è pericoloso a più di due metri da dove è stato propagato. Bisogna ricordare anche che il batterio, fuori dall'organismo, sopravvive per un brevissimo periodo di tempo, quindi, perché avvenga il contagio, è necessario essere stati a lungo con la persona infetta.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...